logo san paolo
lunedì 06 dicembre 2021
 
UDIENZA
 

Il Papa all'udienza: «Non giudicare, ognuno ha le sue miserie»

06/04/2016  Bergoglio all'udienza generale spiega il Vangelo della Misericordia e invita a guardare i propri peccati. Gesù si è messo in fila con peccatori sul Giordano per ricevere il battesimo

“Quante volte diciamo questo è un peccatore, ha fatto questo e quello e giudichiamo gli altri”. Papa Francesco all’udienza generale osserva e chiede: “E tu? Ognuno di noi dovrebbe domandarsi, se quello è un peccatore, e io?”. Bergoglio ha fatto questa osservazione nella udienza generale dedicata alla misericordia nella vita di Gesù, aggiungendo che “tutti siamo peccatori ma tutti siamo perdonati, tutti abbiamo la possibilità di ricevere questo perdono che è la misericordia di Dio, non dobbiamo temere dunque di riconoscerci e confessarci peccatori perché sulla croce” si è operata la redenzione, e “quando confessiamo il peccato” e siamo “pentiti, siamo certi di essere perdonati”. Il Papa ha aggiunto che  “non dobbiamo temere le nostre miserie”, avendo “ognuno di noi le proprie, ma la potenza dell’amore del crocifisso non conosce ostacoli e non si esaurisce mai e questa misericordia cancella le nostre miserie”. Il Papa ha parlato del battesimo di Gesù nel Giordano, spiegando che anche Gesù “si è messo in fila con i peccatori”: “Non ha portato l’odio e l’inimicizia, ma un amore grande, un cuore aperto per tutti noi e si è fatto prossimo agli ultimi comunicando la misericordia di Dio”. Bergoglio ha rilevato che la missione di Gesù è stata  “realmente l’inizio del tempo della misericordia per tutta l’umanità”.  Dunque fin dall’inizio “Gesù si è manifestato come messia che si fa carico della condizione umana mosso dalla solidarietà e dalla compassione”.

I vostri commenti
4

Stai visualizzando  dei 4 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo