Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
domenica 26 maggio 2024
 
udienza generale
 

Il Papa: «Volere l'eterna giovinezza è delirante»

10/08/2022  Francesco dedica l’udienza generale alla vecchiaia come “tempo proiettato al compimento” e avverte: «La sicumera di fermare il tempo – volere l'eterna giovinezza, il benessere illimitato, il potere assoluto – non è solo impossibile, è delirante». Ricorda il «popolo di Ucraina, che ancora soffre questa guerra così crudele» e invita a pregare per i migranti che «stanno arrivando»

«La sicumera di fermare il tempo - volere l'eterna giovinezza, il benessere illimitato, il potere assoluto - non è solo impossibile, è delirante». Dopo la pausa di luglio e il bilancio del viaggio in Canada della settimana scorsa, papa Francesco nell'Aula Paolo VI gremita di fedeli dedica l'udienza generale alla terza età come «tempo proiettato al compimento», che è passaggio attraverso la fragilità della fede e della testimonianza e «attraverso le sfide della fraternità».

La vecchiaia, spiega Bergoglio, «è nobile, non ha bisogno di truccarsi per far vedere la propria nobiltà: forse il trucco viene quando manca nobiltà». E «il tempo passa, ma questo non è una minaccia, è una promessa».

Commentando il Vangelo di Giovanni, il Papa osserva che «la vecchiaia è il tempo propizio per la testimonianza commossa e lieta di questa attesa» di «opere più grandi. L'anziano e l'anziana sono in attesa, in attesa di un incontro», sottolinea, «nella vecchiaia le opere della fede, che avvicinano noi e gli altri al regno di Dio, stanno ormai oltre la potenza delle energie, delle parole, degli slanci della giovinezza e della maturità». Ma proprio così rendono ancora più trasparente la promessa della vera destinazione della vita, e qual è la vera destinazione della vita: «Un posto a tavola con Dio, nel mondo di Dio».

Per Francesco, «sarebbe interessante vedere se nelle Chiese locali esiste qualche riferimento specifico, destinato a ravvivare questo speciale ministero dell'attesa del Signore - è un ministero, il ministero dell'attesa del Signore -, incoraggiando i carismi individuali e le qualità comunitarie della persona anziana». Secondo il Pontefice, inoltre, «una vecchiaia che si consuma nell'avvilimento delle occasioni mancate, porta avvilimento per sé e per tutti». Invece, «la vecchiaia vissuta con dolcezza, vissuta con rispetto per la vita reale scioglie definitivamente l'equivoco di una potenza che deve bastare a sé stessa e alla propria riuscita. Scioglie persino l'equivoco di una Chiesa che si adatta alla condizione mondana, pensando in questo modo di governarne definitivamente la perfezione e il compimento. Quando ci liberiamo da questa presunzione», prosegue il Papa, «il tempo dell'invecchiamento che Dio ci concede è già in sé stesso una di quelle opere “più grandi” di cui parla Gesù».

«Ricordiamoci che il tempo è superiore allo spazio», ribadisce Bergoglio, «È la legge dell'iniziazione. La nostra vita non è fatta per chiudersi su sé stessa, in una immaginaria perfezione terrena: è destinata ad andare oltre, attraverso il passaggio della morte. Perché la morte è un passaggio. Infatti, il nostro luogo stabile, il nostro punto d'arrivo non è qui, è accanto al Signore, dove Egli dimora per sempre. Qui, sulla terra, si avvia il processo del nostro “noviziato”: siamo apprendisti della vita, che - tra mille difficoltà - imparano ad apprezzare il dono di Dio, onorando la responsabilità di condividerlo e di farlo fruttificare per tutti. Il tempo della vita sulla terra è la grazia di questo passaggio», spiega ancora il Papa che ricorda che «la nostra esistenza sulla terra è il tempo dell'iniziazione alla vita, che solo in Dio trova il compimento. Siamo imperfetti fin dall'inizio e rimaniamo imperfetti fino alla fine. Nel compimento della promessa di Dio, il rapporto si inverte: lo spazio di Dio, che Gesù prepara per noi con ogni cura, è superiore al tempo della nostra vita mortale. Ecco: la vecchiaia avvicina la speranza di questo compimento. La vecchiaia conosce definitivamente, ormai, il senso del tempo e le limitazioni del luogo in cui viviamo la nostra iniziazione. La vecchiaia è saggia per questo, i vecchi sono saggi per questo. Per questo essa è credibile quando invita a rallegrarsi dello scorrere del tempo: non è una minaccia, è una promessa».

Il saluto agli italiani: «Siate costruttori di unità nella Chiesa e nella società»

  

Francesco ha concluso evidenziando che «la vecchiaia è la fase della vita più adatta a diffondere la lieta notizia che la vita è iniziazione per un compimento definitivo. I vecchi sono una promessa, una testimonianza di promessa, E il meglio deve ancora venire, ecco il messaggio del vecchio e della vecchia credenti. Il meglio deve ancora venire. Dio ci conceda una vecchiaia capace di questo!».

Dopo la catechesi, il Papa ha salutato i pellegrini nelle varie lingue. «Vi auguro che il periodo di vacanze sia per voi un tempo di riposo, ma anche l'opportunità per ravvivare i legami con Dio e con gli uomini. Non trascurate la preghiera quotidiana, la partecipazione all'Eucaristia domenicale e la condivisione del tempo con gli altri. Contemplate la bellezza del creato, glorificando l'amore del Creatore», ha detto salutando i pellegrini polacchi.

Rivolgendosi a quelli italiani li ha esortati «tutti ad essere costruttori di unità e di pace in famiglia, nella Chiesa e nella società. Non è facile essere costruttori di pace, sia nella vita, nella Chiesa e nella società, bisogna farlo perché è un bel lavoro».

Francesco ha rivolto «un pensiero anche al popolo di Ucraina, che ancora soffre questa guerra così crudele», ha detto, esortando anche a «pregare per i migranti che stanno arrivando continuamente». Rivolgendosi ai pellegrini di lingua spagnola, il Papa ha espresso la sua vicinanza «in modo speciale alle vittime della tragedia provocata dalle esplosioni e dall'incendio alla base petrolifera di Matanzas a Cuba. Chiediamo a nostra Madre, Regina del Cielo, di vegliare sulle vittime di questa tragedia e delle loro famiglie».

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo