Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
martedì 28 maggio 2024
 
 

Dio non si perde in città

26/11/2014  Jorge Mario Bergoglio scrive all'arcivescovo di Barcellona, dove è in corso il Congresso dedicato alla pastorale nelle metropoli. E torna sulle periferie: «Dio sa sempre farsi trovare, prende l’iniziativa per offrire il senso della vita a coloro che sono soli, disorientati o addolorati per le ferite provocate spesso da una società frenetica e non solidale».

Un discorso breve, ma intenso quello che papa Francesco ha inviato, dopo il viaggio a Strasburgo, all'arcivescovo di Barcellona monsignor Lluis Martinez Sistach. A Barcellona, nella Sagrada familia, dove è in corso il Congresso internazionale di Pastorale delle grandi città, ci si sta interrogando sulle sfide che comportano le metropoli per l'evangelizzazione. Ed è su questo che papa Francesco è intervenuto incoraggiando per gli sforzi già fatti e spiegando che occorre riflettere in modo creativo sul «modo di affrontare il compito evangelizzatore nei grandi nuclei urbani,  sempre più in espansione, e nei quali tutti hanno bisogno di sentire la vicinanza e la misericordia di Dio, che non li abbandona. Dio sa sempre farsi trovare, prende l’iniziativa per offrire il senso della vita vera a coloro che sono da soli, disorientati o addolorati per le ferite provocate spesso da una società frenetica e non solidale».

Il Papa è tornato sulle periferie chiarendo che la Chiesa  «non considera una perdita andare nelle periferie o cambiare i soliti schemi, quando serve. Come ad una madre, quel che le interessa è il bene dei propri figli, senza risparmiare sforzi e sacrifici: che non manchi loro la luce del Vangelo per portare una vita feconda di speranza, di gioia e di pace; che non manchi loro l’accoglienza per sentirsi integrati in una comunità, sia in circostanze di disgregazione, sia nel freddo anonimato; che cresca in loro lo spirito di una autentica solidarietà con tutti, specialmente con i più bisognosi».

Multimedia
La migrazione dei macaroni
Correlati
Mafia e religiosità con don Ciotti
Correlati
La migrazione dei macaroni
Correlati
 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo