Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
sabato 18 maggio 2024
 
 

Il Papa: fede e carità indivisibili

01/02/2013  Nel messaggio di Quaresima Benedetto XVI spiega che la fede senza opere è come l'albero senza frutti

Nessuna separazione tra fede e carità. Il Papa, nel tradizionale messaggio per la Quaresima dal titolo Credere nella carità suscita carità, pubblicato oggi, spiega che «non possiamo mai separare o, addirittura, opporre fede e carità. Queste due virtù teologali sono intimamente unite ed è fuorviante vedere tra di esse un contrasto o una 'dialettica'». Benedetto XVI sottolinea che è «limitante l'atteggiamento di chi mette in modo così forte l'accento sulla priorità e la decisività della fede da sottovalutare e quasi disprezzare le concrete opere della carità e ridurre questa a generico umanitarismo». Nello stesso modo però non si può sostenere «un’esagerata supremazia della carità e della sua operosità, pensando che le opere sostituiscano la fede. Per una sana vita spirituale è necessario rifuggire sia dal fideismo che dall'attivismo moralista».

La fede senza opere, si legge nel messaggio «è come l’albero senza frutti». E le opere non nascono solo dallo sforzo umano, ma dalla fede. Nel suo messaggio inoltre il Papa spiega che la carità non va confusa con il semplice aiuto umanitario o con la sola solidarietà e ricorda che anche l’evangelizzazione è opera di carità, anzi «la massima opera di carità, perché non v'è azione più benefica, e quindi caritatevole, verso il prossimo che spezzare il pane della Parola di Dio, renderlo partecipe della Buona Notizia del Vangelo, introdurlo nel rapporto con Dio: l'evangelizzazione è la più alta e integrale promozione della persona umana».

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo