Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
domenica 14 aprile 2024
 
dossier
 

Il Papa fra i “figli sospesi” di Nairobi

19/11/2015  Grattacieli e baraccopoli. E “ragazzi di strada” perennemente al bivio tra sconfitta e riscatto. ecco cosa francesco vedrà in Africa dal 25 novembre

Parliamo seduti su un muretto del centro di accoglienza di Koinonia. Davanti a noi il gruppo vociante dei bambini, o meglio degli ex bambini di strada: lo erano fino alla primavera scorsa. Dietro a noi si apre Kibera, la più grande e invivibile baraccopoli di Nairobi, non si sa nemmeno quante persone vi abitino. All’orizzonte lo skyline del centro: i grattacieli della capitale kenyana, con i suoi uffici ultramoderni e le sedi delle grandi multinazionali. Boniface Buluma racconta le sue speranze riposte nell’imminente visita di papa Francesco, mentre abbiamo sotto gli occhi questo spaccato del Paese africano: il contrasto violento, stridente di ricchezza (di pochi) ed estrema povertà; il degrado degli slum, frutto di emarginazione moderna e antiche tremende eredità coloniali; la scuola negata, la salute negata, i diritti umani negati ogni giorno ad almeno due milioni e mezzo di abitanti di Nairobi, tanti sono quelli che vivono accatastati in baracche della periferia.

«Il problema-simbolo sono i bambini di strada», dice Boniface. Anche lui lo è stato. Poi ha incontrato padre Renato Kizito Sesana e la missione comboniana, ha studiato, è diventato un esperto nel recupero dalla devianza e dal disagio sociale, e negli slum ci torna tutti i giorni per togliere questi piccoli dalla strada e per sostenere le famiglie che ce li hanno fatti finire. «Vedi quanti rifiuti ammorbano l’aria di questo quartiere? I bambini abbandonati sono considerati allo stesso modo: rifiuti, cani da scacciare. Sono la ferita più dolorosa che sintetizza le piaghe del Kenya: sono il frutto di un’urbanizzazione selvaggia che ha disgregato la famiglia e i suoi valori tradizionali africani, sono l’emblema dello sradicamento. Sono i figli sospesi di questo Paese, non sanno da dove vengono, né dove vanno». Boniface guarda la trentina di piccoli davanti a noi: «Vorremmo portare loro dal Papa, ma anche gli altri: i rifiuti che vivono tra i rifiuti».

Francesco avrà anche loro davanti agli occhi, nell’incontro con i giovani, allo stadio Kasarani di Nairobi. E visiterà uno di questi luoghi di non-vita: la piccola baraccopoli di Kangemi, 30 mila persone. Non Kibera o Korogocho, dove la sicurezza del Papa sarebbe un problema serio. Occorre ricordare, infatti, che tra le piaghe del Kenya c’è anche il terrorismo degli shabab, i “cugini” dell’Isis che qui hanno compiuto stragi non meno efferate di quelle di Parigi (Westgate, che nel 2012 fu teatro di un’intera giornata di battaglia in pieno centro di Nairobi, è stato riaperto solo un mese fa).

«Spero, innanzitutto, che il Papa riesca a vedere la profonda e intollerabile diseguaglianza che vive questa città», dice il dottor Gianfranco Morino, il “medico dei poveri” che fin da neolaureato opera nelle baraccopoli. «Spero che percepisca i livelli disumani di violenza che questa gente subisce. Spero che dica chiaramente che il Kenya ha davvero bisogno qui di una chiesa dei poveri. Negli slum vedo i missionari, ma non il clero locale, sempre più chiuso nelle sacrestie. La Chiesa può e deve diventare un forte stimolo per combattere anche gli altri grandi mali del Kenya: la corruzione, le crescenti tensioni etniche, l’indifferenza della parte ricca del Paese verso l’immensa parte povera».

I vostri commenti
1

Stai visualizzando  dei 1 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo