logo san paolo
sabato 21 maggio 2022
 
 

Papa: in ginocchio siamo tutti uguali

08/06/2012  Presieduta da Benedetto XVI la celebrazione del Corpus Domini e la processione da San Giovanni in Laterano a Santa Maria Maggiore. «La scomparsa del sacro impoverisce la cultura».

«Il senso della presenza costante di Gesù in mezzo a noi e con noi, una presenza concreta, vicina, tra le nostre case, come “Cuore pulsante” della città, del paese, del territorio con le sue varie espressioni e attività». È stato questo il tema dell’omelia che Benedetto XVI ha pronunciato nella cattedrale di San Giovanni in Laterano, durante la celebrazione eucaristica per il Corpus Domini, la solennità del Santissimo Corpo e Sangue di Cristo, prima della consueta processione fino alla basilica di Santa Maria Maggiore.

«Nel momento dell'adorazione siamo tutti sullo stesso piano, in ginocchio davanti al sacramento dell'Amore», ha ricordato alle migliaia di fedeli presenti per l’adorazione eucaristica. Riflettendo sul valore del culto eucaristico, papa Ratzinger ha affermato che esso «costituisce come l’ambiente spirituale entro il quale la comunità può celebrare bene e in verità l’eucaristia», perché «solo se è preceduta, accompagnata e seguita da questo atteggiamento interiore di fede e di adorazione, l’azione liturgica può esprimere il suo pieno significato e valore».

Quindi il Pontefice si è soffermato sulla sacralità dell’eucaristia, riguardo alla quale «abbiamo risentito nel passato recente di un certo fraintendimento del messaggio autentico della Sacra Scrittura. La novità cristiana riguardo al culto è stata influenzata da una certa mentalità secolaristica degli anni Sessanta e Settanta del secolo scorso. È vero, e rimane sempre valido, che il centro del culto ormai non sta più nei riti e nei sacrifici antichi, ma in Cristo stesso, nella sua persona, nella sua vita, nel suo mistero pasquale. E tuttavia da questa novità fondamentale non si deve concludere che il sacro non esista più, ma che esso ha trovato il suo compimento in Gesù Cristo, Amore divino incarnato».

Il sacro, ha sottolineato il Pontefice, «ha una funzione educativa, e la sua scomparsa inevitabilmente impoverisce la cultura, in particolare la formazione delle nuove generazioni». Ed ha esemplificato: «Pensiamo a una mamma e a un papà che, in nome di una fede desacralizzata, privassero i loro figli di ogni ritualità religiosa: in realtà finirebbero per lasciare campo libero ai tanti surrogati presenti nella società dei consumi, ad altri riti e altri segni, che più facilmente potrebbero diventare idoli».

Dio invece, ha concluso Benedetto XVI, «non ha fatto così con l’umanità: ha mandato il suo Figlio nel mondo non per abolire, ma per dare il compimento anche al sacro. Al culmine di questa missione, nell’Ultima cena, Gesù istituì il sacramento del suo Corpo e del suo Sangue, il memoriale del suo sacrificio pasquale. Così facendo egli pose se stesso al posto dei sacrifici antichi, ma lo fece all’interno di un rito, che comandò agli apostoli di perpetuare, quale segno supremo del vero Sacro, che è lui stesso. Con questa fede, cari fratelli e sorelle, noi celebriamo oggi e ogni giorno il Mistero eucaristico e lo adoriamo quale centro della nostra vita e cuore del mondo».

I vostri commenti
2

Stai visualizzando  dei 2 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo