Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
sabato 25 maggio 2024
 
angelus
 

Il Papa: «In nome di Dio fermate questo massacro»

13/03/2022  Francesco, nell'anniversario della sua elezione, chiede a tutte le diocesi e le comunità di moltiplicare i momenti di preghiera per la pace e dice che «chi appoggia questa guerra profana il nome di Dio»

Para di Mariupol, «la città che porta il nome di Maria e che è diventata una città martire della guerra che sta straziando l'Ucraina». Papa Francesco dice chiaramente che «davanti alla barbarie dell'uccisione di bambini e civili inermi non ci sono ragioni strategiche che tengano» e che c'è da «fermare la guerra prima che riduca le città a cimiteri». All'Angelus è forte la preghiera del Pontefice, che chiede a tutte le comunità di moltiplicare i momenti di orazione per chiedere la pace. Ringrazia per l'accoglienza ai profughi e per la rete di solidarietà che si è messa in modo e dice, ai responsabili:

«In nome di Dio fermate questo massacro», «ascoltate il grido di chi si soffre, si punti sul negoziato e si rendano sicuri i corridoi umanitari» E ancora, ricorda che «Dio è Dio della pace e non della guerra e chi appoggia la guerra ne profana il nome». Infine chiede al Signore che «converta i cuori a una ferma volontà di pace».

Prima, spiegando il Vangelo del giorno si era soffermato sul sonno che coglie i tre discepoli che Gesù aveva portato con sé sul monte. Pietro, Giovanni e Giacomo si addormentano prima della trasfigurazione. Capita anche a noi, spiega il Papa, di tornare stanchi da una giornata, di voler stare con Gesù, ma di essere sopraffatti dalla stanchezza. I tre discepoli, però, si svegliano durante la Trasfigurazione di Gesù. «Possiamo pensare», spiega Francesco, «che fu la luce di Gesù a ridestarli. Come loro, anche noi abbiamo bisogno della luce di Dio, che ci fa vedere le cose in modo diverso; ci attira, ci risveglia, riaccende il desiderio e la forza di pregare, di guardarci dentro, e di dedicare tempo agli altri. Possiamo superare la stanchezza del corpo con la forza dello Spirito di Dio». E allora «in questo tempo quaresimale, dopo le fatiche di ogni giornata, ci farà bene non spegnere la luce della stanza senza metterci alla luce di Dio. Diamo al Signore la possibilità di sorprenderci e ridestarci il cuore».

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo