Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
domenica 19 maggio 2024
 
l'evento
 

Il Papa il 19 aprile incontra 6 mila studenti delle scuole di pace

17/04/2024  Nell’Aula Paolo VI con Francesco alunni, insegnanti e dirigenti di 137 istituti della Rete nazionale delle Scuole di pace provenienti da 94 città italiane. «Al centro dell’incontro organizzato dalla Fondazione PerugiAssisi e altre associazioni insieme a padre Enzo Fortunato, coordinatore della Giornata Mondiale dei Bambini, «c’è la volontà di formare una nuova generazione di costruttori e costruttrici di pace e di trovare le strade per “trasformare il futuro” oggi è minacciato da tante guerre, ingiustizie e disuguaglianze ingiustificabili e insopportabili»

Formare una nuova generazione di costruttori e costruttrici di pace. Con questo obiettivo, venerdì 19 aprile, nell'Aula Paolo VI, papa Francesco incontrerà 6.000 studenti, insegnanti e dirigenti scolastici della Rete nazionale delle Scuole di pace. In tutto 137 scuole di 94 città e 18 regioni.

Insieme a loro ci saranno anche i sindaci e gli amministratori locali, i docenti universitari e i rappresentanti delle organizzazioni firmatarie del “Patto di Assisi” per la formazione di una nuova generazione di costruttori di pace.

L'incontro con papa Francesco è parte integrante del Programma nazionale di educazione civica 2023-2024 intitolato «Trasformiamo il futuro. Per la pace con la cura», teso a educare le giovani generazioni alla cura di sé, degli altri, della comunità, dell'ambiente e del mondo come strumento di pace e di trasformazione del futuro, che oggi è minacciato da tante guerre, ingiustizie e disuguaglianze ingiustificabili e insopportabili.

Gli alunni/studenti partecipanti sono pronti a dialogare con il Papa per condividere i loro sogni e idee, le loro preoccupazioni e proposte per la costruzione di una vita e di un mondo migliore per tutti e tutte. Durante l'incontro verranno presentati al Pontefice anche i primi risultati del percorso didattico di «alfabetizzazione del futuro» in preparazione del «Summit del Futuro» promosso dall'Onu (23-24 settembre 2024) che vedrà i capi di Stato di tutto il mondo sottoscrivere un nuovo «Patto per il futuro».

«A papa Francesco», spiegano gli organizzatori, «vogliamo dire grazie per tutto quello che ha fatto e sta facendo per ciascuno di noi, per l'umanità intera e per la nostra "madre terra". Lo faremo regalando a papa Francesco i nostri impegni di pace e di cura». I partecipanti e gli organizzatori dell'incontro porteranno al Papa una lettera, un disegno, un messaggio contenente il proprio impegno - personale o collettivo - per la costruzione della pace con la cura.

L’incontro con Papa Francesco segnerà l’inizio della quarta edizione della “Settimana Civica”, in programma dal 19 al 25 aprile, un’originale iniziativa dedicata alla valorizzazione e promozione dell’educazione civica delle giovani generazioni voluta dal Parlamento per “formare cittadini responsabili e attivi e promuovere la loro partecipazione piena e consapevole alla vita civica, culturale e sociale delle comunità.” Durante la Settimana Civica, che si concluderà con la Festa della Liberazione, si svolgeranno centinaia di attività organizzate dagli insegnanti di tutte le scuole, dall’infanzia alla scuola secondaria di II grado, allo scopo di valorizzare le migliori attività di educazione civica realizzate nel corso dell’anno.

«Nel 2026», spiegano gli organizzatori, «la Repubblica Italiana celebrerà l’ottavo centenario della morte di San Francesco d'Assisi, Patrono d’Italia. Facendo tesoro delle esperienze realizzate in dieci anni dal Programma nazionale di Educazione civica “Pace, fraternità e dialogo. Sui passi di Francesco”, insieme con i Francescani del Sacro Convento di Assisi, proponiamo a tutte le scuole di realizzare un nuovo programma di educazione civica, con tre obiettivi: 1. Conoscere Francesco. Costruire conoscenza. 2. Fare esperienza di Francesco. Costruire consapevolezza. 3. Muoversi sui passi di Francesco. Costruire responsabilità. L’incontro con il Santo Padre del 19 aprile sarà l’occasione per dare nuovo slancio a questo programma».

Quello del 19 aprile è il terzo incontro delle Scuole di Pace con il Santo Padre. Il primo, intitolato “Beati gli artigiani di pace”, si è svolto il 6 maggio 2017 nell’Aula Paolo VI a conclusione del programma di educazione alla cittadinanza “Proteggiamo la nostra casa”, centrato sullo studio della Laudato si’ e dell’Agenda 2030. Il secondo incontro, intitolato “Per la pace. Con la cura”, si è svolto il 28 novembre 2022 nella stessa Aula Paolo VI nell’ambito di un anno scolastico dedicato alla promozione dell’educazione alla pace e alla cura.

L’incontro con il Santo Padre è organizzato, in collaborazione con padre Enzo Fortunato, coordinatore della Giornata Mondiale dei Bambini, da: Rete Nazionale delle Scuole per la Pace, Fondazione PerugiAssisi per la Cultura della Pace, Coordinamento Nazionale degli Enti Locali per la Pace e i Diritti Umani, Rete delle Università Italiane per la Pace (RUniPace), Centro Diritti Umani “Antonio Papisca” e Cattedra Unesco “Diritti Umani, Democrazia e Pace” dell’Università di Padova.

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo