Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
venerdì 19 aprile 2024
 
 

Il Papa prega per Haiti

12/01/2011  Messa sulle rovine della cattedrale dell'inviato di Benedetto XVI. Il popolo protagonista della ricostruzione. Il Segretario di Stato Tarcisio Bertone elogia i volontari.

 

Ricostruire subito, non solo le strutture materiali ma soprattutto la convivenza civile, sociale e religiosa”. Lo ha scritto Benedetto XVI in un messaggio alla popolazione di Haiti ad un anno dal terremoto. Il messaggio è stato letto dal suo inviato nell’isola caraibica il cardinale Robert Sarah durante la messa celebrata sulle rovine della cattedrale di Port-au-Prince.Benedetto XVI ha auspicato che il popolo di Haiti “sia il primo protagonista della sua storia attuale e del suofuturo, contando anche sull'aiuto internazionale, che ha già dato segni di grande generosità attraverso l'aiuto economico e quello dei volontari giunti da tutti i Paesi”.

Nel pomeriggio nella basilica di Santa Maria Maggiore a Roma il cardinale Tarcisio Bertone, Segretario di Stato vaticano, ha presieduto una concelebrazione eucaristica in suffragio dell'arcivescovo di Port-au-Prince, monsignor Joseph Serge Miot, e delle duecentomila vittime del sisma. Bertone ha ricordato le associazioni di volontariato, che stanno lavorando ad Haiti “alle quali vanno il nostro apprezzamento e il nostro incoraggiamento”. La Chiesa, ha detto ancora il cardinale, “rivolge al caro popolo haitiano anche una parola di conforto per i numerosi defunti: essi sono vivi in Dio e attendono dai congiunti e dai connazionali una testimonianza di coraggio e di speranza. Attendono di vedere rinascere la loro terra, che deve tornare a dotarsi di case e di chiese”.

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo