logo san paolo
giovedì 09 dicembre 2021
 
 

Papa ai circensi: vigilate sul Vangelo

01/12/2012  Gli artisti del mondo del circo sono stati ricevuti in udienza da Benedetto XVI e si sono esibiti in aula Nervi davanti al Santo Padre.

Benedetto XVI mentre accarezza un cucciolo di tigre in aula Nervi (Ansa).
Benedetto XVI mentre accarezza un cucciolo di tigre in aula Nervi (Ansa).

Due tigrotti in aula Nervi. L'ingresso a sorpresa dei due cuccioli ha divertito papa Ratzinger che li ha subito accarezzati. Tra musiche allegre e ritmate ottomila circensi sono arrivati davanti al Papa per offrire uno spettacolo speciale in occasione dell'Anno della fede e per il 25esimo anniversario della Fondazione Migrantes.

Dopo la messa di ieri in basilica, oggi i circensi provenienti da quindici diversi Paesi si sono esibiti davanti al Papa in aula Nervi. Majorettes, clown, saltimbanchi e contorsionisti si sono alternati a ginnasti e prestigiatori. Tra questi anche don Silvio Mantelli, meglio noto come mago Sales, il sacerdote salesiano prestigiatore che ha fatto della sua arte un mezzo di evangelizzazione e di aiuto ai popoli in difficoltà. Benedetto VI, dopo aver lodato «l'impegno e la fedeltà alle tradizioni», ha ricordato l'importanza di una «nuova evangelizzazione» anche per i circensi e per gli artisti di strada.

«Anche voi», ha detto il Papa, «mentre ponete attenzione alla qualità delle vostre realizzazioni e degli spettacoli, non manchiate di vigilare affinché, con i valori del Vangelo, possiate continuare a offrire alle giovani generazioni la speranza e l'incoraggiamento di cui necessitano, soprattutto rispetto alle difficoltà della vita, alle tentazioni della sfiducia, della chiusura in se stessi e del pessimismo, che impediscono di cogliere la bellezza dell'esistenza».

I vostri commenti
1

Stai visualizzando  dei 1 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo