logo san paolo
lunedì 27 giugno 2022
 
il papa
 

«I migranti che ho portato con me siano uno stimolo perché tutta l'Europa li accolga»

22/12/2021  L’appello di Francesco all’udienza generale: «Solo alcuni Paesi europei stanno sopportando la maggior parte delle conseguenze del fenomeno migratorio nell'area mediterranea, mentre in realtà esso richiede una responsabilità condivisa di tutti, dalla quale nessun Paese può esimersi, perché è un problema di umanità. A Natale dobbiamo aprire la porta del cuore»

È l’ultima udienza generale prima di Natale e papa Francesco lancia un appello all’Europa affinché affronti unita, e senza egoismi, la gestione dei flussi migratori. Nel viaggio a Cipro e in Grecia, dice il Pontefice, «ho potuto toccare con mano ancora una volta l'umanità ferita dei profughi e dei migranti. Ho anche constatato come solo alcuni Paesi europei stiano sopportando la maggior parte delle conseguenze del fenomeno migratorio nell'area mediterranea, mentre in realtà esso richiede una responsabilità condivisa di tutti, dalla quale nessun Paese può esimersi, perché è un problema di umanità». E aggiunge: «Grazie alla generosa apertura delle autorità italiane, ho potuto portare a Roma un gruppo di persone».

«Oggi», prosegue Bergoglio, «sono qui in mezzo a noi alcuni di loro. Benvenuti», ha detto rivolgendosi direttamente al gruppo di persone «che ho conosciuto durante il mio viaggio» e che ha fatto venire in Italia. «Ce ne faremo carico come Chiesa nei prossimi mesi - ha proseguito -. È un piccolo segno che spero serva da stimolo per gli altri Paesi europei, affinché permettano alle realtà ecclesiali locali di farsi carico di altri fratelli e sorelle che vanno urgentemente ricollocati, accompagnati, promossi e integrati. Sono tante infatti le Chiese locali, le congregazioni religiose, le organizzazioni cattoliche - ha sottolineato Francesco - che sono pronte ad accoglierli e accompagnarli verso una feconda integrazione. Serve solo aprire una porta: la porta del cuore. E non manchiamo in questo Natale».

Poi al termine dell’udienza ha salutato «con affetto i pescatori di Mazara del Vallo, accompagnati dal Vescovo e dalle Autorità civili. A distanza di un anno dalla drammatica esperienza del sequestro e della prigionia», ha ricordato il Pontefice, «desidero rinnovare a voi e alle vostre famiglie la mia solidarietà, il mio incoraggiamento e la mia preghiera».

Siamo a pochi giorni dal Natale e Francesco dedica la catechesi alla nascita di Gesù, analizzando i racconti dei Vangeli. «Per osservare il decreto dell’imperatore Cesare Augusto, che ordinava di farsi registrare all’anagrafe del proprio paese d’origine, Giuseppe e Maria scendono da Nazaret a Betlemme», ricorda il Papa, «appena arrivati, cercano subito un alloggio, perché il parto è imminente; ma purtroppo non lo trovano, e allora Maria è costretta a partorire in una stalla. Pensiamo: il Creatore dell’universo … a Lui non fu concesso un posto per nascere! Forse fu un’anticipazione di quanto dice l’evangelista Giovanni: “Venne tra i suoi, e i suoi non l’hanno accolto”; e di quello che Gesù stesso dirà: “Le volpi hanno le loro tane e gli uccelli del cielo i loro nidi, ma il Figlio dell’uomo non ha dove posare il capo”».

Il Papa ricorda che «fu un angelo ad annunciare la nascita di Gesù, e lo fece a degli umili pastori. E fu una stella che indicò ai Magi la strada per raggiungere Betlemme. L’angelo», spiega, «è un messaggero di Dio. La stella ricorda che Dio creò la luce e che quel Bambino sarà “la luce mondo”, come Egli stesso si autodefinirà la “luce vera […] che illumina ogni uomo” che “splende nelle tenebre e le tenebre non l’hanno vinta”».

I pastori, invece, «personificano i poveri d’Israele, persone umili che interiormente vivono con la consapevolezza della propria mancanza, e proprio per questo confidano più degli altri in Dio. Sono loro a vedere per primi il Figlio di Dio fattosi uomo, e questo incontro li cambia profondamente. Annota il Vangelo che se ne tornarono “glorificando e lodando Dio per tutto quello che avevano udito e visto”».

Il Papa passa in rassegna tutti i personaggi del Presepe, compresi i Magi: «I Vangeli», spiega, «non ci dicono che fossero dei re, né il numero, né i loro nomi. Con certezza si sa solo che da un paese lontano dell’Oriente (si può pensare alla Babilonia, all’Arabia o alla Persia del tempo) si sono messi in viaggio alla ricerca del Re dei Giudei, che nel loro cuore identificano con Dio, perché dicono di volerlo adorare. I Magi rappresentano i popoli pagani, in particolare tutti coloro che lungo i secoli cercano Dio e si mettono in cammino per trovarlo. Rappresentano anche i ricchi e i potenti, ma solo quelli che non sono schiavi del possesso, che non sono “posseduti” dalle cose che credono di possedere».

Il messaggio dei Vangeli, ricorda ancora il Papa, «è chiaro: la nascita di Gesù è un evento universale che riguarda tutti gli uomini».

Ma com’è possibile per noi oggi accogliere Dio nel mistero del Natale? Con quali mezzi? «Solo l’umiltà», è la risposta del Papa, «è la via che ci conduce a Dio e, allo stesso tempo, proprio perché ci conduce a Lui, ci porta anche all’essenziale della vita, al suo significato più vero, al motivo più affidabile per cui la vita vale la pena di essere vissuta. Solo l’umiltà ci spalanca all’esperienza della verità, della gioia autentica, della conoscenza che conta. Senza umiltà siamo “tagliati fuori”, siamo tagliati fuori dalla comprensione di Dio, dalla comprensione di noi stessi. Occorre essere umile per capire noi stessi, tanto più per capire Dio. I Magi», aggiunge Francesco, «potevano anche essere dei grandi secondo la logica del mondo, ma si fanno piccoli, umili, e proprio per questo riescono a trovare Gesù e a riconoscerlo. Essi accettano l’umiltà di cercare, di mettersi in viaggio, di chiedere, di rischiare, di sbagliare...».

Bergoglio ricorda che «ogni uomo, nel profondo del suo cuore, è chiamato a cercare Dio: tutti noi, abbiamo quella inquietudine e il nostro lavoro è non spegnere quella inquietudine, ma lasciarla crescere perché è l’inquietudine di cercare Dio; e, con la sua stessa grazia, può trovarlo». E cita la preghiera di Sant’Anselmo: «Signore, insegnami a cercarti. Mostrati, quando ti cerco. Non posso cercarti, se tu non mi insegni; né trovarti, se tu non ti mostri. Che io ti cerchi desiderandoti e ti desideri cercandoti! Che io ti trovi cercandoti e ti ami trovandoti!».

Il Pontefice invita tutti a fermarsi ad adorare Gesù Bambino: «Ognuno di noi si avvicini al presepio che trova a casa sua o nella chiesa o in altro luogo, e cerchi di fare un atto di adorazione, dentro: “Io credo che tu sei Dio, che questo bambino è Dio. Per favore, dammi la grazia dell’umiltà per poterci capire”».

Francesco invita a porre in prima fila, avvicinandoci al Presepe, i poveri, che «come esortava Paolo VI, dobbiamo amare, perché in certo modo sono sacramento di Cristo; in essi – negli affamati, negli assetati, negli esuli, negli ignudi, negli ammalati e nei prigionieri – Egli ha voluto misticamente identificarsi. Dobbiamo aiutarli, soffrire con loro, e anche seguirli, perché la povertà è la strada più sicura per il pieno possesso del Regno di Dio».

Per questo, aggiunge ancora il Pontefice, «dobbiamo chiedere l’umiltà come una grazia: “Signore, che non sia superbo, che non sia autosufficiente, che non creda di essere io stesso il centro dell’universo. Fammi umile. Dammi la grazia dell’umiltà. E con questa umiltà io possa trovarti. È l’unica strada, senza umiltà non troveremo mai Dio: troveremo noi stessi. Perché la persona che non ha umiltà non ha orizzonti davanti, ha soltanto uno specchio: guarda sé stesso. Chiediamo al Signore di rompere lo specchio e di poter guardare oltre, all’orizzonte, dove è Lui. Ma questo deve farlo Lui: darci la grazia e la gioia dell’umiltà per fare questa strada».

Il Papa si rivolge a chi non crede o si professa ateo: «Vorrei», dice, «accompagnare a Betlemme, come fece la stella con i Magi, tutti coloro che non hanno un’inquietudine religiosa, che non si pongono il problema di Dio, o addirittura combattono la religione, tutti quelli che impropriamente sono denominati atei. Vorrei ripetere loro il messaggio del Concilio Vaticano II: “La Chiesa crede che il riconoscimento di Dio non si oppone in alcun modo alla dignità dell’uomo, dato che questa dignità trova proprio in Dio il suo fondamento e la sua perfezione. […] La Chiesa sa perfettamente che il suo messaggio è in armonia con le aspirazioni più segrete del cuore umano”». Francesco conclude invitando a tornare a casa e alle nostre vite con l’augurio degli angeli che risuonarono nella notte di Betlemme: «Pace in terra agli uomini che egli ama».

E sottolinea: «Non siamo stati noi ad amare Dio, ma è lui che ha amato noi […]. Ci ha amati per primo, ci ha cercati. Non dimentichiamo questo. È questo il motivo della nostra gioia: siamo stati amati, siamo stati cercati, il Signore ci cerca per trovarci, per amarci di più. Questo è il motivo della gioia: sapere che siamo stati amati senza nessun merito, siamo sempre preceduti da Dio nell’amore, un amore così concreto che si è fatto carne ed è venuto ad abitare in mezzo a noi, in quel Bambino che vediamo nel presepe. Questo amore ha un nome e un volto: Gesù è il nome e il volto dell’amore che sta a fondamento della nostra gioia».

E conclude con un augurio: «Fratelli e sorelle, vi auguro un buon Natale, un buon e santo Natale. E vorrei che – sì ci saranno gli auguri, le riunioni di famiglia, questo è bellissimo, sempre – ma che ci sia anche la consapevolezza che Dio viene “per me”. Ognuno dica questo: Dio viene per me. La consapevolezza che per cercare Dio, trovare Dio, accettare Dio ci vuole umiltà: guardare con umiltà la grazia di rompere lo specchio della vanità, della superbia, di guardare noi stessi. Guardare Gesù, guardare l’orizzonte, guardare Dio che viene a noi e che tocca il cuore con quella inquietudine che ci porta alla speranza».

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo