Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
mercoledì 24 aprile 2024
 
Ucraina
 

Il Papa: "Sia tregua in Ucraina!"

20/02/2015  Francesco riceve tutti i vescovi dell'Ucraina e richiama alla pace e all'unità.

Una dona ucraina accende una candela per i caduti (Reuters).
Una dona ucraina accende una candela per i caduti (Reuters).

Le “intese raggiunte” vanno applicate “di comune accordo, rispettando “il principio della legalità internazionale”. Papa Francesco riceve tutti i vescovi dell’Ucraina, che sono di tre riti (latino, greco-cattolico e bizantino)  e torna sulla crisi ucraina, dopo i numero appelli alla pace delle scorse settimane. Ha chiesto di osservare la tregua e “tutti gli altri impegni che sono condizioni per evitare la ripresa delle ostilità”.

Bergoglio ha rilevato che la crisi “si sta protraendo da vari mesi e continua a mietere numerose vittime innocenti e causare grandi sofferenze all’intera popolazione”. Il Papa ha ha assicurato che la Santa Sede è a fianco dei vescovi ed è impegnata in tutte le sedi internazionali per far comprendere i loro diritti e le loro preoccupazioni: “A livello nazionale voi siete cittadini a pieno titolo del vostro Paese, e perciò avete il diritto di esporre, anche in forma comune, il vostro pensiero circa i suoi destini”. Ma non si tratta, secondo il pontefice, di promuovere “una concreta azione politica”, ma di indicare e riaffermare “i valori che costituiscono l’elemento coagulante della società ucraina, perseverando nell’instancabile ricerca della concordia e del bene comune, pur di fronte alle gravi e complesse difficoltà”.

Il Papa ha chiesto ai vescovi di “ascoltare attentamente le voci che vengono dal territorio”. Infatti, ha raccomandato, solo “ascoltando il vostro popolo, voi vi fate solleciti verso i valori che lo caratterizzano: l’incontro, la collaborazione, la capacità di comporre le controversie. In poche parole: la ricerca della pace possibile”. Bergoglio ha rilevato che la crisi ha grande impatto sulle famiglie, aggravando “una iniqua povertà in una terra generosa e ricca”.  Ha chiesto infine ai vescovi di superare”incomprensioni e ferite”, che nel passato ci sono state tra cattolici delle diverse comunità e riti e anche tra i vescovi: “L’unità dell’episcopato, oltre a dare buona testimonianza al popolo di Dio rende un inestimabile servizio alla nazione sia sul piano culturale e sociale, sia, soprattutto, su quello spirituale”.

Qui il papa è stato molto severo, rivolgendosi in particolare ai greco-cattolici e ai latini: “A me personalmente fa male sentire che vi siano incomprensioni e ferite. C’è bisogno di un medico, e questo è Gesù Cristo, che ambedue servite con generosità e di tutto cuore. Siete un corpo unico e, come vi è stato detto in passato da san Giovanni Paolo II e da Benedetto XVI, vi esorto a mia volta a trovare fra voi la maniera di accogliervi l’un l'altro e sostenervi generosamente nelle vostre fatiche apostoliche”.

La Chiesa in Ucraina si divide nei gruppi di rito greco-cattolico e di rito latino, ai quali si aggiunge il gruppo più ristretto di rito bizantino, i cosiddetti ruteni.  Il Papa ha ricordato che entrambe le comunità in Ucraina sono state soggette a persecuzioni fino al martirio e ha concluso esortando i vescovi ad essere “sempre generosi nel parlarvi tra fratelli”.

I vostri commenti
1

Stai visualizzando  dei 1 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo