logo san paolo
martedì 30 novembre 2021
 
 

Papa, stupore e dolore per il "corvo"

26/05/2012  Confermata anche dal Vaticano l'identità dell'uomo arrestato, Paolo Gabriele, agli arresti. Procede l'inchiesta. Benedetto XVI rattristato per il fermo di uno dei suoi uomini di fiducia

Nel cerchio rosso, Paolo Gabriele, uno degli uomini di fiducia del Papa, arrestato per possesso illecito di documenti riservati (Ansa).
Nel cerchio rosso, Paolo Gabriele, uno degli uomini di fiducia del Papa, arrestato per possesso illecito di documenti riservati (Ansa).

Dal Vaticano arrivano conferme ufficiali. Con una nota diramata in Sala stampa vaticana il direttore padre Federico Lombardi ha chiarito che «la persona arrestata mercoledì sera per possesso illecito di documenti riservati, rinvenuti nella sua abitazione in territorio vaticano, è il Sig. Paolo Gabriele, che rimane tuttora in stato di detenzione».

Dopo due notti passate in cella si è così «conclusa la prima fase di "istruttoria sommaria" sotto la direzione del Promotore di Giustizia, prof. Nicola Picardi, e si è avviata la fase di "istruttoria formale" condotta dal Giudice istruttore, prof. Piero Antonio Bonnet». Si apprende anche che Paolo Gabriele ha nominato due suoi avvocati di fiducia. I legali lo hanno già incontrato e hanno concordato la linea di difesa. Terminata la fase istruttoria il giudice deciderà se proscioglierlo o rinviarlo a giudizio.

«Questa notizia», ha detto ai giornalisti padre Lombardi, «ha destato nel Papa stupore e dolore. In Vaticano tutti conoscono Paolo Gabriele e c’è grande affetto nei confronti della sua famiglia, che è molto amata».

I vostri commenti
5

Stai visualizzando  dei 5 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo