logo san paolo
mercoledì 29 giugno 2022
 
 

Il Papa visita a sorpresa i tossicodipendenti

26/02/2016  L'incontro nel pomeriggio di venerdì 26 febbraio. Bergoglio è andato nella comunità di recupero "San Carlo" del Ceis di don Mario Picchi, vicino a Castel Gandolfo. Il gesto rientra nel quadro "dei segni giubilari" di testimonianza delle opere di misericordia.

E' stata una visita a sorpresa, la sua. Fatta nel quadro dei "segni giulibari" voluti per connotare l'Anno della misericordia. Nel pomeriggio di venerdì 26 febbraio s'è recato tra i tossicodipendenti del Centro italiano di solidarietà (Ceis) di don Mario Picchi. Dopo il duro monito contro il narcotraffico espresso più volte durante il recente viaggio in Messico, Bergoglio ha voluto testimoniare la sua vicinanza alle persone che stanno lottando contro la dipendenza dalle droghe incontrando i 60 ospiti della comunità terapeutica San Carlo, aperta nel 1979 ai Castelli Romani da don Mario Picchi, da sempre considerato il laboratorio del Ceis.          

“Siamo rimasti senza parole - ha affermato Roberto Mineo, presidente del Centro italiano di solidarietà - quando abbiamo visto l’auto con il Papa entrare nella struttura dove i nostri ragazzi combattono ogni giorno la loro battaglia per tornare alla vita. Francesco era senza scorta accompagnato soltanto da monsignor Rino Fisichella. Il Papa sembrava a casa sia con gli operatori e i volontari del Centro sia con i tossicodipendenti. Si è intrattenuto a lungo con ciascuno di loro come un padre premuroso ascoltando le loro storie e abbracciandoli a uno a uno. Alcuni ragazzi gli hanno mostrato le foto delle loro famiglie, dei loro figli e il Papa ha avuto per tutti una parola di speranza e una benedizione”. “Abbiamo confidato a Francesco - ha raccontato ancora Mineo - che la nostra filosofia, la filosofia che ci ha lasciato don Mario pone al centro l’uomo e che la nostra battaglia quotidiana coincide esattamente con quanto il Papa ha detto più volte che ‘la droga non si vince con la droga’, cioè che non è ammissibile la liberalizzazione delle droghe leggere.

I vostri commenti
1

Stai visualizzando  dei 1 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo