logo san paolo
mercoledì 16 giugno 2021
 
Il Papa
 

Il Papa: "Viviamo una terza guerra mondiale spezzettata"

18/08/2014  Papa Francesco risponde a tutto campo alle domande dei giornalisti durante il volo di ritorno dalla Corea. "Certo che ho voglia di andare in Cina e anche in Kurdistan". Condanna la tortura, "crimine contro l'umanità", ma scherza anche sulla squadra del San Lorenzo: "la sua vittoria non è un miracolo". E parla del suo possibile viaggio in Usa nel settembre 2015

«Il vertice con Abu Mazen e Peres non è stato un fallimento. E' stata aperta una porta anche se adesso il fumo della guerra non lascia vedere che la porta è aperta, Ma io credo in Dio e so che è così». Il Papa risponde alle domande dei giornalisti durante il volo di ritorno che lo riporta a Roma. Parla dei Paesi in crisi, delle guerre, delle violenze. Condanna la tortura e dice: «Oggi siamo in guerra dappertutto. Qualcuno mi ha detto: "viviamo la terza guerra mondiale ma a pezzi". Il mondo è in guerra e si fanno queste crudeltà. Oggi i bambini non contano. Una volta si parlava di una guerra convenzionale. Ma oggi una bomba ammazza l'innocente col colpevole, colpisce il bambino con la mamma invece degli obiettivi militari. Pensiamo alla tortura: oggi è uno dei mezzi quasi ordinari nei conflitti, utilizzata anche dai servizi di intelligence e nei processi giudiziari. Eppure è un peccato contro umanità, oltre che un delitto. Per i cattolici è un peccato grave, mortale. Ma è di più: un atto contro l'umanità».
A chi gli chiede un commento sui bombardamenti degli Stati Uniti per fermare la persecuzione dei cristiani in Iraq il Papa risponde che «quando c'è un aggressore ingiusto è lecito fermarlo. Ma solo fermarlo, non bombardarlo e una sola nazione non può decidere da sola come si ferma l'aggressore. Questo compito, dopo la Seconda guerra mondiale, è delle Nazioni Unite».
In oltre un'ora e mezza di botta e risposta con i giornalisti papa Francesco ha toccato diversi temi: l'enciclica sull'ecologia, per esempio, che è ancora in bozza «perché in un documento magisteriale dobbiamo scrivere solo ciò che è sicuro e su molte cose solo i progressi della scienza ci diranno cosa è vero. In una enciclica non posso scrivere che la terra è al centro e non il sole». Ci vorrà dunque ancora qualche mese prima di avere il testo definitivo, mentre è allo studio, invece, il viaggio negli Stati Uniti. Il prossimo settembre, per la giornata mondiale delle famiglie il Papa probabilmente sarà a Philadelphia. Con una possibile tappa a Washington, al Palazzo di Vetro delle Nazioni unite.
E, ancora, il Papa ha parlato dei suoi rapporti con papa Benedetto: «Ho già detto che è come avere un nonno saggio in casa. Posso contare sulla sua saggezza in ogni momento. Mi fa bene ascoltarlo». E poi scherza su se stesso: «Ancora due o tre anni e andrò alla casa del Padre», ha scherzato. Così come ha riso sul San Lorenzo: «Mi hanno detto che ha vinto la Coppa, è una buona nnotizia, ma non un miracolo».
Il Papa pensa ai Paesi appena lasciati e al possibile viaggio in Cina, «andrei anche domani», o alla possibilità di visitare il Kurdistan appena ci saranno le condizioni.
Intanto la prossima tappa internazionale è l'Albania, dove sarà il 21 settembre: «Alcuni hanno detto che è lo stile del Papa cominciare dalle periferie, ma io penso che l'Albania sia un paese che ha sofferto tanto: era l'unico stato che in Costituzione aveva l'ateismo pratico, cioè andare a messa era anticostituzionale e sono state distrutte 1.820 chiese tra ortodosse e cattoliche, oltre a quelle trasformate in quel tempo in cinema e teatri».

Multimedia
Mustapha: la mia giornata tra i rifugiati siriani
Correlati
Siria, l'impatto della guerra: il campo rifugiati di Domiz, Iraq del nord
Correlati
Mustapha: la mia giornata tra i rifugiati siriani
Correlati
I vostri commenti
8
scrivi

Stai visualizzando  dei 8 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo
    Collection precedente Collection successiva
    FAMIGLIA CRISTIANA
    € 104,00 € 0,00 - 11%
    CREDERE
    € 88,40 € 57,80 - 35%
    MARIA CON TE
    € 52,00 € 39,90 - 23%
    CUCITO CREATIVO
    € 64,90 € 43,80 - 33%
    FELTRO CREATIVO
    € 23,60 € 18,00 - 24%
    AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
    € 46,80 € 38,90 - 17%
    IL GIORNALINO
    € 117,30 € 91,90 - 22%
    BENESSERE
    € 34,80 € 29,90 - 14%
    JESUS
    € 70,80 € 60,80 - 14%
    GBABY
    € 34,80 € 28,80 - 17%
    GBABY
    € 69,60 € 49,80 - 28%
    I LOVE ENGLISH JUNIOR
    € 69,00 € 49,90 - 28%
    PAROLA E PREGHIERA
    € 33,60 € 33,50
    VITA PASTORALE
    € 29,00
    GAZZETTA D'ALBA
    € 62,40 € 53,90 - 14%