logo san paolo
giovedì 28 ottobre 2021
 
 

Il Papa in Emilia: non vi abbandonerò

26/06/2012  Visita di Benedetto XVI a Rovereto di Novi, dove ha idealmente abbracciato tutti gli emiliani colpiti dal terremoto. Ha assicurato che la Chiesa garantirà vicinanza e aiuti concreti.

Alla fine la gente di Rovereto ha avuto la sua festa. Quella festa semplice, da vivere sulla piazza del paese come se si stesse in famiglia, tra gente che si scopre amica e ritrova il sorriso. L’avevano preparata i parrocchiani e gli scout di don Ivan Martini, prima che il terremoto si portasse via buona parte delle case e il loro pastore. Oggi l’hanno vissuta insieme a Benedetto XVI, venuto qui per portare la vicinanza della chiesa a tutti i terremotati dell’Emilia e a rendere omaggio al sacrificio di un sacerdote amato e rispettato dalla sua gente.

Sono stato sempre vicino a voi”, ha detto il Papa alle migliaia di persone venute a incontrarlo. Una cerimonia semplice e informale, improvvisata sotto un gazebo bianco dove il pontefice ha preso posto tra l’arcivescovo di Bologna, cardinale Carlo Cafarra, e il presidente della Regione Vasco Errani. Sullo sfondo le abitazioni lesionate dal terremoto. Prima il papa aveva voluto pregare sul sagrato della chiesa di Santa Caterina d’Alessandria, dove don Ivan ha perso la vita.

Mai come oggi papa Benedetto ha mostrato la sua dolcezza e la sua profonda umanità. Un papa incapace di sottrarsi all’abbraccio di chi non voleva lasciarlo andare, che ha persino indossato di buon grado un berretto bianco con la visiera donatogli da alcuni volontari. “Rimanete fedeli alla vostra vocazione di gente fraterna e solidale, e affronterete ogni cosa con pazienza e determinazione, respingendo le tentazioni che purtroppo sono connesse a questi momenti di debolezza e di bisogno”, ha detto riconoscendo il coraggio e la grande dignità con cui la gente emiliana sta affrontando questa prova.


Ha citato le parole del salmo 46, “non temiamo se trema la terra, perché Dio è per noi rifugio e fortezza”, ma si è anche rivolto alle istituzioni e ha lanciato un appello. Davanti alla tragedia queste comunità non devono essere lasciate sole, le istituzioni, come del resto gli altri cittadini, devono comportarsi “come il buon samaritano, che non passa indifferente di fianco a chi ha bisogno”. Gli applausi della gente hanno sottolineato queste parole piene di affetto. Il Papa ha poi assicurato che la Chiesa tutta garantirà la sua vicinanza, con la preghiera e con gli aiuti concreti, soprattutto da parte della Caritas, “che si impegnerà in prima persona anche nella ricostruzione del tessuto delle parrocchie”.

E’ quello che l’Emilia si aspettava. Un abbraccio forte, una spinta per ricominciare ma anche un segno di ascolto e di attenzione. La gente emiliana è stremata. Sotto le tende il calore è insopportabile, la convivenza difficile, l’economia in ginocchio. E’ il momento di decidere se i tempi della ricostruzione debbano prevedere soluzioni di passaggio. Per le comunità, per le scuole, per i negozi e per le case. “Non un soldo di più”, hanno chiesto i sindaci. L’importante è ricostruire, ma nel frattempo questa gente deve vivere. La grande speranza è che la visita del Papa funzioni da catalizzatore, per acellerare decisioni che sono state rimandate anche troppo a lungo.

I vostri commenti
1
scrivi

Stai visualizzando  dei 1 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo
    Collection precedente Collection successiva
    FAMIGLIA CRISTIANA
    € 104,00 € 0,00 - 11%
    CREDERE
    € 88,40 € 57,80 - 35%
    MARIA CON TE
    € 52,00 € 39,90 - 23%
    CUCITO CREATIVO
    € 64,90 € 43,80 - 33%
    FELTRO CREATIVO
    € 23,60 € 18,00 - 24%
    AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
    € 46,80 € 38,90 - 17%
    IL GIORNALINO
    € 117,30 € 91,90 - 22%
    BENESSERE
    € 34,80 € 29,90 - 14%
    JESUS
    € 70,80 € 60,80 - 14%
    GBABY
    € 34,80 € 28,80 - 17%
    I LOVE ENGLISH JUNIOR
    € 69,00 € 49,90 - 28%