logo san paolo
martedì 22 giugno 2021
 
dossier
 

Il Papa in Uganda: «La carità e il perdono s'imparano in famiglia»

28/11/2015  Bergoglio ricorda il martirio di 22 cattolici e di 23 anglicani, uccisi sul finire dell'Ottocento perché cristiani. Il loro esempio, ha sottolineato Francesco, dimostra «che i piaceri mondani e il potere terreno non danno gioia e pace durature, mentre la fedeltà a Dio, l’onestà e l’integrità della vita sì».

«La testimonianza dei martiri  mostra a tutti coloro che hanno ascoltato la loro storia, ieri e oggi, che i piaceri mondani non danno gioia e pace duratura. Piuttosto la fedeltà a Dio, l'onestà, l'integrità della vita e la genuina preoccupazione per il bene degli altri ci portano quella pace che il mondo non può offrire». Lo ha detto il Papa nell'omelia letta in italiano durante la Messa celebrata nel santuario di Namugongo a ricordo di diversi giovani fatti uccidere perché cristiani dal re Mwanga II, tra il 15 novembre 1885 e il 27 gennaio 1887.  «L'apertura verso gli altri», ha precisato Francesco, «incomincia nella famiglia, nelle nostre case, dove si impara la carità e il perdono, e dove nell’amore dei nostri genitori si impara a conoscere la misericordia e l’amore di Dio. Tale apertura si esprime anche nella cura verso gli anziani e i poveri, le vedove e gli orfani».

Il santuario sorge all'interno di un grande parco naturale, non lontano dalla capitale, Kampala. Francesco ha celebrato all'aperto, in un tripudio di inni e immagini,  davanti ad una folla immensa. Il rito ha intrecciato  canti, lingue e tradizioni locali, con quelle del rito latino: eseguiti mirabilmente il Kyrie in latino, il Gloria in lingua luganda e l'Angnus dei in latino. Bergoglio s'è recato nel luogo in cui, avvolti in tappeti incendiari, furono arsi vivi alcuni dei martiri ugandesi, tra cui Carlo Lawanga, uno dei più venerati. Prima di giungere al santuario cattolico papa Bergoglio ha visitato quello anglicano (gli ugandesi fatti martirizzare alla fine dell'Ottoceno dal re Mwanga II erano sia cattolici che anglicani), dove ha pregato davanti alle reliquie di 23 martiri anglicani. Accolto da una quarantina di vescovi anglicani, papa Francesco, prima di congedarsi, ha anche benedetto la folla insieme a tutti loro, con un gesto dalla forte valenza ecumenica.

Namugongo è meta di pellegrinaggio dal Paese e da quelli vicini, da parte di migliaia di persone. Non si comprende l'Uganda contemporanea se non si ha presente la storia di questi giovani cattolici e anglicani che si lasciarono uccidere da un re che in un primo tempo li aveva accolti con benevolenza e poi chiese loro di rinnegare il cristianesimo. Andrea Kaggwa, cui il Papa ha reso omaggio ieri a Munyonyio, - dove il re decise il martirio di questi giovani - fu ucciso sia per non aver rinnegato la fede che, come capo dei paggi del re, per essersi opposto ai desideri omosessuali del sovrano nei confronti di questi ragazzi: il più piccolo dei martiri, Kizito, aveva 12 anni.

La forma del santuario cattolico di Namugongo evoca la forma della capanna tradizionale della etnia Baganda, e poggia su 22 pilastri, a ricordo dei 22 martiri cattolici. La messa è per il 50mo anniversario della canonizzazione dei martiri ugandesi, proclamata da Paolo VI a Roma. Nei primi tre giorni dello storico viaggio del Papa un appello a che il nome di Dio non venga usato per giustificare la violenza e uno per un'intesa sul clima in vista del vertice Cop21 di Parigi. Bergoglio ha parlato anche di corruzione uno "zucchero", ha detto, al quale i giovani non devono cedere e sottolineato che esiste "anche in Vaticano".

Multimedia
Il Papa a Bangui: «Da questa Porta Santa il mondo chiede pace»
Correlati
I vostri commenti
1
scrivi

Stai visualizzando  dei 1 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo
    Collection precedente Collection successiva
    FAMIGLIA CRISTIANA
    € 104,00 € 0,00 - 11%
    CREDERE
    € 88,40 € 57,80 - 35%
    MARIA CON TE
    € 52,00 € 39,90 - 23%
    CUCITO CREATIVO
    € 64,90 € 43,80 - 33%
    FELTRO CREATIVO
    € 23,60 € 18,00 - 24%
    AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
    € 46,80 € 38,90 - 17%
    IL GIORNALINO
    € 117,30 € 91,90 - 22%
    BENESSERE
    € 34,80 € 29,90 - 14%
    JESUS
    € 70,80 € 60,80 - 14%
    GBABY
    € 34,80 € 28,80 - 17%
    GBABY
    € 69,60 € 49,80 - 28%
    I LOVE ENGLISH JUNIOR
    € 69,00 € 49,90 - 28%
    PAROLA E PREGHIERA
    € 33,60 € 33,50
    VITA PASTORALE
    € 29,00
    GAZZETTA D'ALBA
    € 62,40 € 53,90 - 14%