Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
giovedì 25 aprile 2024
 
 

Il racconto della Risurrezione tra mito e realtà fattuale

01/09/2022  Alcuni cristiani, pur definendosi cattolici e frequentando la Chiesa, rifiutano la Risurrezione di Cristo perché considerata un mito. Come possiamo rispondere a questi credenti?

Ci sono alcuni cristiani che, pur professandosi tali, negano la Risurrezione di Cristo perché sarebbe un mito. Come possiamo rispondere? - ANTONIO MARCONCIN

 

La tomba vuota e le apparizioni di Gesù sono uno spartiacque per la nostra fede, perché ci chiedono di affidarci a Dio nel momento più tremendo: la morte. L’esperienza personale di Gesù non si conclude con la morte o col sepolcro vuoto, ma continua nelle apparizioni e nell’Ascensione al cielo, e perdura in una forma nuova, nell’attesa del suo ritorno glorioso, attraverso lo Spirito. I discepoli hanno ascoltato, veduto e toccato il Verbo della vita (cfr. 1Giovanni 1,1-4) anche da risorto. Tale esperienza, trasmessa attraverso la Chiesa, è in continuità con quella che essi hanno avuto prima della Passione e morte. Il Gesù che si mostra vivo, in carne e ossa, che parla e mangia è lo stesso. Mostra così di non essere un fantasma. Ma la sua umanità ha anche elementi nuovi, che vanno oltre l’ordinario, preannunciando una presenza non più legata allo spazio e al tempo. Gesù «sta» in mezzo ai discepoli, senza che questi lo riconoscano e poi «scompare dalla loro vista», lasciando loro il pane consacrato a colmare le esigenze dei cinque sensi. Il linguaggio mitico aiuta a esprimere questa “vita ulteriore” già anticipata in Gesù, a cui Dio vuole che partecipiamo con la risurrezione. Cosa che non si potrebbe trasmettere a pieno con un linguaggio solamente fattuale o concettuale.

Tag:
 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo