Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
sabato 20 aprile 2024
 
 

Il racket della prostituzione minorile

27/03/2013  Grazie al centro di accoglienza gestito da ECPAT Italia e Cifa onlus a Sihanoukville, in Cambogia, i bordelli sono scesi da 63 a 5. Ora serve un altro passo avanti

Phuom Tmey, sobborgo di Sihanoukville, il più grande porto della Cambogia, meta del turismo sessuale: dei 63 bordelli "ufficiali" oggi ne sono rimasti 5 grazie a ECPAT Italia e Cifa onlus. Un risultato incredibile, ottenuto grazie a un capillare lavoro svolto, in collaborazione con il partner locale "Respect for children", famiglia per famiglia, persona per persona, bambino per bambino, per le strade dei quartieri a luci rosse. Quelle stese strade che oggi rappresentano il pericolo principale per i minori che sono stati strappati a questo traffico infame e disumano: oggi, infatti, molti dei soggetti "salvati" rischiano di perdersi nuovamente se non verranno offerte loro alternative efficaci e credibili.


Ci sono voluti tre anni perché le cose cominciassero a cambiare davvero: grazie al progetto "Via del campo", dal titolo di una celeberrima canzone di Fabrizio De Andrè, nel 2010 è nato un centro di accoglienza che offre ai figli di prostitute e bambini di strada istruzione, gioco e assistenza. Oggi la struttura ospita oltre 100 minori, a lungo fonte di reddito sicuro per le loro famiglie: anche 15-20 dollari al giorno...

Un altro dei punti di forza del progetto è stato il coinvolgimento diretto delle famiglie chiamate forse per la prima volta a una presa di coscienza determinante per la buona riuscita finale: ad alcuni rappresentanti è stata offerta la cogestione del centro, elemento che ha contribuito a riportare al centro la dignità dell'individuo e a restituire speranza nel futuro dei loro figli.


Tutto questo, però, rischia di diventare presto uno sbiadito ricordo: per offrire ai bambini attualmente presenti nel centro e ad altri che arriveranno nei prossimi mesi le stesse cure, la stessa assistenza, le stesse "prospettive" ECPAT Italia si è data l'obiettivo di raccogliere almeno 7.500 euro nel corso del 2013. 

Abbandonare al loro destino i piccoli ospiti di quella che a tutti gli effetti è diventata una piccola grande comunità significherebbe, con buone probabilità, perderli per sempre. La strada è sempre dietro l'angolo, la strada è sempre la via di fuga più semplice.

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo