logo san paolo
sabato 28 maggio 2022
 
Stasera in TV
 

Il rapporto tra i giovani e la religione

04/10/2017  Va on onda stasera su Rai2 alle 23.30 “Giovani e religione”, che raccoglie le testimonianze di un giovane sacerdote cattolico, di due comunità protestanti, di una ragazza musulmana e di una buddista

Secondo appuntamento per il ciclo “Giovani e…” di Alberto D’Onofrio, serie di docureality dedicata al mondo dei giovani, in onda il mercoledì alle 23.30 su Rai2. Il 4 ottobre andrà in onda “Giovani e religione”, che raccoglierà le testimonianze di un giovane sacerdote cattolico, di due comunità protestanti, di una ragazza musulmana e di una buddista.  
Don Emmanuele Deidda, 24 anni, racconterà come è arrivato a questa scelta di vita, cosa significhi per lui il voto di castità e come si svolge il suo mandato in un piccolo paesino della Sardegna, Ales. Dietro la sua testimonianza, un interrogativo: perché la chiesa cattolica sta perdendo molti fedeli?
A seguire, Alberto D’Onofrio intervisterà alcuni giovani protestanti pentecostali di Palermo e di Milano e i loro giovani pastori: il pastore Joe Porrello e il pastore Punto, che con il loro stile anticonvenzionale , ispirato a quelli di alcuni predicatori americani, riescono ad attirare molti ragazzi.
Shaayma, è una ragazza musulmana di 17 anni che vive a Viterbo con la sua famiglia ed è molto amica di quattro ragazze italiane della sua stessa età. Youtuber, posta sul web alcuni suoi interventi nei quali spiega l’esperienza di un’adolescente musulmana che vive in Italia.
Infine, Blu, una giovane buddista di 18 anni, e i suoi compagni Beatrice e Francesco, raccontano il cambiamento nelle loro vite dopo avere abbracciato il percorso buddista.

Shaayma, una ragazza musulmana
Shaayma, una ragazza musulmana

Blu, una giovane buddista

Il giovane pastore protestante Punto
Il giovane pastore protestante Punto

I vostri commenti
1

Stai visualizzando  dei 1 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo