Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
martedì 28 maggio 2024
 
 

Il ruolo della scuola e della famiglia

14/06/2013 

Umiliata sul web da un gruppo di coetanei, tra i quali ci sarebbe anche il suo ex fidanzato e poi suicida per colpa dei cyberbulli. Questo, secondo i giuduci, il motivo per cui Carolina la quattrodicenne di Novara si è suicidata lo scorso gennaio.  La Procura dei minori di Torino ha quindi recentemente iscritto nel registro degli indagati otto minorenni di età compresa tra i 15 e i 17 anni. Pesanti le accuse: istigazione al suicidio e detenzione di materiale pedopornografico. Grande lo sconcerto. Ma è solo una delle tante vittime che riempiono le cronache.  E' di poco tempo fa il caso del ragazzo che a scuola si è gettato dalla finestra stancho per le prese in giro dovute alla sua omosessualità. Prese in giro che avvenivano soprattutto in Rete.

Maurizio Tucci
, presidente dell’Associazione Laboratorio Adolescenza, così commenta: «Osserviamo come le conseguenze  del cyber bullismo si stanno manifestando in tutta la loro gravità  Gli ultimi dati disponibili dell’Osservatorio della Società Italiana di Pediatria su Abitudini e Stili di vita degli adolescenti italiani (età di riferimento 12-14 anni)  ci indicano come il fenomeno sia in netta crescita ed oltre il 43% degli intervistati ha dichiarato che a lui o ad un suo amico è capitato di essere vittima di episodi di cyber bullismo». La percentuale sale sensibilmente e supera il 60% se si considerano solo le risposte degli adolescenti che dichiarano di trascorrere mediamente in Internet più di 3 ore al giorno.

«Se è pur vero – prosegue Tucci – che i confronti con altri paesi europei indicano che la situazione italiana, in questo ambito,  è mediamente migliore rispetto alla media, questo non deve esimerci dal cercare di intervenire per frenare il fenomeno, attraverso una sensibilizzazione degli adolescenti, delle famiglie e della scuola».

L'importanza di tenere alta la guardia la si può misurare anche osservando un recente fenomeno che si chiama Spotted (parola che in inglese significa "individuato").  Si tratta di bacheche scolastiche aperte su Facebook dove  è possibile, anonimamente, lasciare messaggi relativi alle persone che frequentano la scuola. Anche se vogliamo credere che queste pagine di Facebook non nascono con la precisa intenzione di ferire, di fatto, protetti dall'anonimato, facilmente i ragazzi che vi partecipano sono comunque facilitati se non indotti a parlare di compagni e insegnanti con toni spesso offensivi. Non a caso in molte scuole le bacheche spotted hanno creato problemi e i dirigenti hanno dovito intervenire e chiuderle.

Fondamentale per prevenire e combattere il cuberbullismo è il ruolo della scuola e della famiglia. «Le ragazze e i ragazzi devono imparare a riferire immediatamente i casi di cui fossero vittime e le famiglie devono imparare a reagire con senso di responsabilità, ma senza isterismi. Uno dei principali motivi che inducono le vittime a non segnalare la cosa – osserva Tucci – o a farlo solo quando raggiunge limiti di insopportabilità,  è proprio il timore delle reazioni della famiglia prima tra tutte, come spesso capita, la proibizione tout court di utilizzare Internet.   A questo si aggiunge un ruolo importantissimo che può essere svolto dalla scuola proprio nell’ottica di far emergere prima possibile le situazioni critiche, offrendo una “sponda istituzionalizzata” agli studenti che si trovassero in difficoltà».

«Per ultimo – conclude il Presidente di Laboratorio Adolescenza – gli stessi adolescenti, che in tanti ambiti dimostrano maturità, devono imparare ad avere atteggiamenti sempre orientati alla prudenza, senza dimenticare mai che foto, filmati, frasi, postate in Internet possono facilmente essere riutilizzate in forme e contesti del tutto differenti e con finalità diversissime da quelle originali».

Tag:
Multimedia
Concorso "Doma il bullo": i vincitori 2013
Correlati
 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo