logo san paolo
giovedì 27 gennaio 2022
 
 

Il segno della fine del mondo

23/09/2012 

È vero che san Paolo avrebbe profetizzato la caduta del Katéchon come segno della fine del mondo nella Seconda lettera ai Tessalonicesi (2Ts 2,6)?

Camilla D.

La domanda si riferisce a un passo enigmatico e molto discusso in cui si parla della fine dei tempi, che sarà preceduta dalla venuta dell’apostasia e dell’avversario di Dio (cf. 2Ts 2,3): «E ora sapete ciò che (lo) trattiene (tò katéchon)... Il mistero dell’iniquità è già in atto; solo è necessario che sia tolto di mezzo colui che (lo) trattiene» (vv. 6-7). A un certo punto l’ostacolo sarà tolto e il Male con il suo inganno raggiungerà il suo culmine, che risulterà evidente. E tuttavia i tessalonicesi vengono rassicurati che in quel momento il Signore annienterà il Male con grande facilità («con il soffio della sua bocca», cf. vv. 7-8). La situazione comunitaria presupposta dalla lettera paolina ci sfugge quasi del tutto, in più il criptico linguaggio apocalittico rende arduo ogni tentativo di identificare i personaggi (invece i suoi primi lettori capivano). Paolo intende mettere in guardia dal lasciarsi ingannare riguardo ai presunti segni della venuta di Cristo: Dio rimane Signore della storia anche nel vincere il Male, e i cristiani devono impegnarsi concretamente nel presente, senza abbandonarsi a elucubrazioni sul futuro, che in più favoriscono l’ozio e il parassitismo (cf. 2Ts 3,6-12).

I vostri commenti
1

Stai visualizzando  dei 1 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo