logo san paolo
mercoledì 26 gennaio 2022
 
Religione
 

Il segno di croce al termine della messa

07/06/2017 

MARCO G. - Durante la benedizione alla fine della Messa ho visto un signore che non faceva il segno di croce. Deve farlo solo il sacerdote o anche i fedeli?

Anticamente la benedizione al termine della Messa consisteva nella semplice imposizione delle mani con un’orazione del sacerdote chiamata super populum. Orazioni che la riforma liturgica ha voluto recuperare e che si trovano nel Messale come Preghiere di benedizione sul popolo. Durante queste orazioni i fedeli si inchinano profondamente. Da quando è stata introdotta progressivamente la benedizione trinitaria al termine della Messa (XII-XIII secolo) è venuto talmente spontaneo segnarsi che i libri liturgici non ne fanno neppure esplicita menzione. Che il segno di croce sia sottinteso, sebbene non tassativo, lo dimostra anche il fatto che quando è un laico che guida un rito liturgico egli pronuncia la formula di benedizione finale segnando sé stesso.

I vostri commenti
10

Stai visualizzando  dei 10 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo