logo san paolo
sabato 27 novembre 2021
 
Paralimpiadi
 

Il segreto di Alex Zanardi, terzo oro a cinquant'anni.

14/09/2016  E' probabile che Zanardi non avesse bisogno di vincere ancora, il terzo oro di oggi è un di più. Ma siamo noi ad aver bisogno della sua ennesima medaglia per rivedere la sua esultanza e per prenderci il salutare schiaffone che ne deriva.

Non è necessario che Alex Zanardi,  al terzo oro paralimpico dopo i due di Londra nell'handbike (cronometro), vinca sempre per prenderci metaforicamente per le orecchie e riendirizzarci sulla giusta prospettiva, perché lo fa ogni giorno vivendo, però aiuta.

Aiuta perché quando vince esplode nella genuina esultanza di chi si scopre una volta ancora campione e l’immagine di quell’esultanza pura – di cui lo sport soltanto sa davvero cogliere l’attimo -  fa bene a lui ma soprattutto fa bene a tutti noi. Ci fa bene perché non è consolatoria e perché assesta uno schiaffo al quotidiano mugugno delle nostre vite soltanto mediamente complicate. 

Non voleva essere un simbolo Alex, lo è diventato vivendo perché in una situazione che più complicata non si sarebbe potuto immaginare ha scelto di non commettere l’errore che troppo spesso attanaglia gli sportivi d’alto livello: la tentazione del reducismo, la nostalgia del bel tempo andato. Di più, ha avuto l’abilità di di non tradire sé stesso e la propria autoironia.

Avrà avuto e certamente avrà ancora come tanti e più di tanti altri giornate no, ma è più bravo di noi a dirimerle guardando avanti e a non vivere concentrato su quello che non c’è. Non è solo per questo ma è soprattutto per questo che siamo così affezionati alla sua handbike puntata verso l’ennesimo traguardo, ed è per questo che ogni volta che parte vien voglia di ripetergli l’adagio di Guerre stellari augurandoci e augurandogli che la forza sia con lui, sapendo già come va a finire: con la retorica del consiglio da supereroi seppellita da una risata.

La risata di Alex: il segreto della sua grandezza di persona prima che di campione, il segreto del successo di una persona seria (ma non seriosa) a distanza di sicurezza dal rischio di prendersi troppo sul serio.  

Multimedia
Alex Zanardi, l'arte di non fermarsi
Correlati
I vostri commenti
3

Stai visualizzando  dei 3 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo