logo san paolo
venerdì 20 maggio 2022
 
Il Teologo
 

Il significato di «Piena di grazia» nell’Ave Maria

11/10/2016 

STEFANO Qual è la traduzione esatta della parola che l’angelo rivolge a Maria dopo il saluto iniziale, ciò che nell’Ave Maria è reso con «piena di grazia» (Lc 1,28)?

Ciò che in italiano è tradotto con due termini, un aggettivo («piena») e un complemento di specificazione («di grazia»), nel greco originale è un unico termine, ricco di significati teologici, il participio perfetto al passivo (vocativo femminile singolare) del verbo charitóo (“fare grazia”, “gratificare”, “favorire grandemente”). In particolare, il tempo “perfetto” in greco esprime un’azione avvenuta nel passato che però continua ad avere degli effetti nel presente; inoltre il passivo sottintende la persona divina come agente: se si volesse dare espressione a tutte queste sfumature, bisognerebbe allungare troppo la frase: «Ricolmata (nel passato) e ricolma (ora) di grazia (da parte di Dio)»; dovendo abbreviare, si potrebbe optare per «ricolmata di grazia (divina)». Ciò è spiegato anche dal successivo v. 30, dove appare la stessa radice, cháris: «Hai trovato grazia presso Dio».

I vostri commenti
6

Stai visualizzando  dei 6 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo