logo san paolo
lunedì 29 novembre 2021
 
La promessa
 

Il sindaco di New York: non darò a Trump la lista dei clandestini

12/11/2016  Una sorta di disobbedienza civile. E' quella che annuncia il primo cittadino della Grande Mela al presidente eletto degli Stati Uniti Donald Trump, che in campagna elettorale ha promesso una lotta dura agli immigrati clandestini sul territorio statunitense. Bill De Blasio farà di tutto per non aprire al futuro capo della Casa Bianca il database di New York con le identità di oltre 850 mila immigrati illegali.

Ammesso che il presidente eletto degli Stati Uniti, Donald Trump, una volta insediato alla Casa Bianca dopo il giuramento del 20 gennaio 2017, realizzi in modo concreto le promesse elettorali, e non si riduca invece a più miti consigli e a una realpolitik più saggia, come sembra già preannunciare la sua volontà di non buttare alle ortiche l'intera riforma sanitaria di Obama, ma di salvarne alcune parti, troverà sulla sua strada il sindaco di New York, Bill De Blasio, del Partito Democratico, il cui motto ricorda il celebre "Resistere, resistere, resistere".

Il primo cittadino di Manhattan, infatti, ha già annunciato che resisterà ai piani più controversi di Donald Trump sull'immigrazione se il presidente eletto deciderà di metterli in pratica. Il sindaco newyorchese ha promesso che farà di tutto per non aprire al miliardario che ha sconfitto Hillary Clinton il database di New York con le identità di oltre 850 mila immigrati illegali, dunque clandestini per le severe regole anti immigrazione degli Stati Uniti, che vivono in città.

Il database non verrà aperto a Trump senza "una vera e propria lotta", ha assicurato, precisando che qualsiasi proposta che sarà vista come "una minaccia per i newyorkesi verrà affrontata". Nel 2015 nella Grande Mela è stata istituita una sorta di carta di identità per gli immigrati senza un regolare visto che prova la residenza, e si può ottenere fornendo pochissima documentazione. E per questo è accessibile a quasi mezzo milione di illegali.



Multimedia
Da Washington a Parigi, il corteo globale delle donne contro Donald Trump
Correlati
I vostri commenti
14

Stai visualizzando  dei 14 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo