logo san paolo
venerdì 03 dicembre 2021
 
La storia di Nicole
 

Il sindaco e la bambina che da grande vuole fare...il sindaco

03/04/2017  Ha scritto al primo cittadino della sua città per dirgli: «Ciao sindaco, ho 7 anni e anche io vorrei fare il sindaco da grande come lavoro». E dargli, in breve, dei suggerimenti sulle cose urgenti da fare.

Una busta piena di cuoricini e un contenuto che ha fatto tenerezza e sorridere molti. È arrivata il 30 marzo sulla scrivania di Antonio Decaro, sindaco di Bari, la letterina di Nicole, una bimba di sette anni. E lui l’ha postata su Facebook commentando: «Io ho scelto chi votare alle amministrative tra qualche anno. Si chiama Nicole, ha 7 anni e ha già il suo programma, ma non fissate appuntamenti in agenda il mercoledì e il venerdì perché ha danza».

LA LETTERINA

«Ciao sindaco, io sono Nicole e ho 7 anni anche io vorrei fare il sindaco da grande come lavoro». Obiettivo, quindi, capire come si fa il sindaco e in breve già un accenno al suo programma elettorale. «Mi devi dire la scuola per fare il sindaco, quando sarò sindaco vorrei pulire le strade, togliere le bombolette e ridipingere i palazzi. Ti dico solo queste cose così le fai tu e non lo devo fare io». E poi un dubbio: «Ma è un lavoro impegnativo fare il sindaco? Perché io il mercoledì e il venerdì vado a danza. Io ho tante idee solo che non c'è spazio per scriverle tutte, ma quanto tempo puoi stare a casa? Spero di essere votata, tu mi puoi votare per favore?».

io ti voterò

  

Decaro, ingegnere, esperto di trasporti e mobilità, padre geloso di Giorgia e Chiara, aspirante cantante professionista di Karaoke, non ha esitato a rispondere. Commentando: «Sì Nicole, quello del Sindaco è un lavoro molto impegnativo e non si riesce a passare molto tempo a casa, ma secondo me è il lavoro più bello del mondo e spero tu possa raggiungere il tuo obiettivo. Comunque io sicuro ti voto!».

Tag:
I vostri commenti
3

Stai visualizzando  dei 3 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo