Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
domenica 21 luglio 2024
 
Serie Tv
 

In Tv il sogno di una ragazzina afghana di giocare a calcio

22/02/2023  "La storia di Tamina" è una serie di Rai Gulp, dal 24 febbraio su Rai Play, che racconta la vicenda di una tredicenne fuggita dal suo Paese e arrivata in Italia determinata a praticare lo sport del suo idolo, Farkhunda Muhtaj, capitana della nazionale femminile di calcio dell’Afghanistan, residente in Canada

Malgrado la repressione dei talebani in Afghanistan le ragazze e le donne continuano a sognare: di poter frequentare l'univeristà, avere un lavoro, e praticare sport. Farkhunda Muhtaj, capitana della nazionale femminile di calcio dell’Afghanistan, nell’agosto del 2021, quando l’Afghanistan è stato conquistato dai Talebani, viveva già in Canada, ma insieme ad ex funzionari dell'esercito, dell'intelligence statunitense e gruppi umanitari, ha coordinato l’Operazione Soccer Balls per aiutare un gruppo di 80 persone, composto dai 26 membri della squadra femminile afghana e le loro famiglie, a fuggire dal loro Paese, dove i diritti delle donne erano stati severamente limitati, compreso quello di fare sport. Farkhunda Muhtaj è l’idolo della protagonista di Crush – La Storia di Tamina, secondo capitolo della collana “Crush”, prodotta da Stand by me in collaborazione con Rai Kids, in onda da mercoledì 1° marzo tutti i giorni su Rai Gulp alle ore 19.10 e disponibile in anteprima su RaiPlay venerdì 24 febbraio con tutti gli 8 episodi da 25 minuti ciascuno. 

Attraverso il linguaggio tipico delle serie kids & teen, la serie racconta una storia di libertà, amicizia e determinazione nell’inseguire i propri sogni. La protagonista è Tamina (Ludovica Porreca), una ragazza afgana di 13 anni con la passione per il calcio, scappata dal suo Paese oppresso dai Talebani e arrivata in Italia assieme alla famiglia per cominciare una nuova vita fatta di nuovi compagni di scuola, nuovi amici e i turbamenti per la prima indimenticabile cotta. Tamina si trova così a fare i conti con una lingua straniera e con un’altra cultura, sperimentando un modo di relazionarsi con gli altri – in particolare con i ragazzi - diverso da quello a cui era abituata.  

Non solo: deve affrontare le prepotenze di un gruppo di bulli capeggiato da Frank (Manfredi Orfei Nones), che non vuole farla entrare nella squadra di calcio della scuola. Con la stessa tenacia e determinazione del suo idolo Farkhunda Muhtaj, capitana della nazionale di calcio femminile afghana di cui ha un poster nella sua cameretta, Tamina non si arrende e dopo inciampi, peripezie e ostacoli, riesce a formare una squadra mista di calcio, i “Golden Eagles”, composta dagli “esclusi” della scuola, ragazzi come lei che in un modo o nell’altro sono stati sradicati dalle proprie origini o che per qualche motivo non si sono mai sentiti accettati fino in fondo e sono alla ricerca del proprio posto nel mondo. Storia inventata ma del tutto verosimile che ci ricorda la condizione di tante adolescenti afghane e del valore dell'integrazione. All’anteprima di ieri a Roma della serie erano presenti anche due atlete afghane: Mahdia Sharifi, atleta della nazionale afgana di Taekwondo, e Nazira Khair Zad, atleta della nazionale giovanile afgana di calcio, ora nella primavera del Milan, una delle giocatrici che Farkhunda ha aiutato a scappare dai Talebani.

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo