Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
domenica 14 aprile 2024
 
Fede o fuga?
 

Il terrorista nero e il culto della Madonna

21/06/2017  Arrestato a Fatima Maurizio Tramonte, l'ex camerata condannato all'ergastolo per la strage di piazza della Loggia, a Brescia. Devoto della Madonna, a Pasqua era già stato a Lourdes. I carabinieri del Ros hanno allertato i colleghi portoghesi che lo hanno catturato nei pressi del celebre Santuario, meta di pellegrinaggi da tutto il mondo

«Il culto mariano ce l’aveva in testa. Il fatto che fosse andato a Fatina non è stato casuale. Forse voleva  chiedere alla Madonna la grazia per questa sentenza. Ma, o ha sbagliato lui o ha sbagliato la Madonna. Fatto sta che la grazia non l’ha avuta». Scherzano i carabinieri commentando a caldo l’arresto a Fatima di Maurizio Tramonte, La “fonte Tritone”, condannato all’ergastolo per la strage di piazza della Loggia, a Brescia, era già stato in pellegrinaggio a Lourdes a Pasqua.

 

Della fede vera o presunta dell’ex camerata coinvolto nella strage che, nel 1974, ha causato 8 morti e 102 feriti, ai carabinieri, in realtà, interessa poco. Quello che ha insospettito gli uomini del generale Giuseppe Governale è stato, invece, il suo comportamento. Lasciata l’Italia già domenica, dopo aver attraversato in auto la Francia e la Spagna,  Tramonte aveva spento i telefoni e cambiato auto facendo presupporre che si sarebbe dato alla latitanza.

 

E, dalla mattina del 21, con la sentenza della Cassazione andata in esecuzione, Tramonte era diventato già un latitante. I carabinieri del ros si sono mossi subito allertando i colleghi portoghesi che hanno proceduto all’arresto mentre Tramonte girovagava ancora tra il santuario e le chiese vicine. Nei prossimi giorni sarà sottoposto a un’udienza da parte di un giudice portoghese che verificherà la regolarità dell’arresto e poi ritornerà in Italia per scontare la pena.  

I vostri commenti
25

Stai visualizzando  dei 25 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo