Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
venerdì 12 aprile 2024
 
il commento
 

Il vaso di pandoro di Chiara Ferragni

11/01/2024  L'influencer sta pagando le conseguenze di un sistema da lei stessa messo in piedi che continua a scoperchiare guai. Chiara è in caduta libera per via del meccanismo che lei stessa ha creato, alzando il polverone su ogni sospiro della sua vita (di Luciano Regolo)

La favola di Chiara Ferragni, l’influencer capace di costruire un impero sul nulla dell’immagine sembra volgere a un epilogo e non certo lieto. La Coca-Cola ha sospeso lo spot che sarebbe dovuto andare in onda dalla fine di questo mese ed è l’ennesimo sponsor che prende il largo dalla bella e potente influencer dopo l’affair “pandoro” e le inchieste giudiziarie apertesi sulla confusione tra business e beneficenza anche attorno ad attività passate, dalle uova di Pasqua alle bambole a sua immagine e somiglianza. Non è il caso di “scomodare” la dinamica, tramandata dalle tragedie greche, della hybris (la tracotanza umana che sfida l’ordine delle cose) alla quale segue la nemesis (la punizione fatale) perché la vicenda della Ferragni e del consorte Fedez, in fondo, è piuttosto banale. Almeno se si considerano le leggi della fabbrica delle celebrità. Chiara è in caduta libera per via del meccanismo che lei stessa ha creato, alzando il polverone su ogni sospiro della sua vita. Senza una vera ragione è diventata famosa, ammirata e imitata ovunque, ma il mondo dell’apparire non perdona, e, nella sfortuna, nell’inconveniente, si precipita con la stessa velocità (e sproporzione) con cui prima si era toccato l’Olimpo.

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo