logo san paolo
martedì 29 novembre 2022
 
Verso le Olimpiadi
 

Il Vespucci, testimonial di Roma 2024

27/04/2016  Il nostro veliero ha già portato a bordo la fiaccola olimpica nel 1960. Adesso, ripreso il mare dopo la manutenzione straordinaria che l'ha visto fermo per tre anni, diventa testimonial della candidatura di Roma alle Olimpiadi del 2024. Sul numero 18 di Famiglia Cristiana, domani in edicola e poi in parrocchia, un ampio reportage a bordo della nave.



Era già accaduto quando Roma ospitò le Olimpiadi nel 1960. Il nostro veliero più bello aveva trasportato la fiaccola olimpica
(nella foto) navigando dal porto del Pireo fino alle coste italiane. Adesso, dopo che l'Amerigo Vespucci ha ripreso il mare il 27 aprile (sul numero di Famiglia cristiana in edicola questa settimana un ampio reportage a bordo della nave), è stato dato l'annuncio ufficiale che, nel corso della sua campagna estiva promuoverà la candidatura di Roma per ospitare le Olimpiadi del 2024.

Partita da La Spezia come da programma il 27 aprile, la nave toccherà alcuni dei maggiori porti italiani. In particolare, condividendo la rotta con il Comitato Roma2024, il veliero sosterà in quattro delle dodici città olimpiche presenti nel progetto di candidatura per il 2024: Cagliari, Bari, Genova e Napoli.

Nei porti dove il veliero attraccherà (sono compresi anche Trieste, Venezia, Ancona, Dubrovnik (Croazia), Messina, Trapani, Genova, Napoli e Livorno), sarà possibile salire a bordo per visitare l'Amerigo Vespucci e per partecipare a eventi culturali e di solidarietà.

  

I vostri commenti
1

Stai visualizzando  dei 1 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo