Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
venerdì 31 maggio 2024
 
 

I vescovi: il dovere dell'asilo

14/04/2011  I vescovi della Lombardia e della Sicilia ricordano il dovere dell'accoglienza. Cifre alla mano, non c'è nessuna invassione.

No ai ghetti, perché questo sono le grandi tendopoli e i grandi centri di accoglienza per gli immigrati. I vescovi della Sicilia non hanno dubbi: “Non sono rispettose della dignità umana delle persone immigrate e non sono idonee ad una loro integrazione con il territorio, oltre a risultare problematiche per le popolazioni locali”. Ma anche i vescovi della Lombardia criticano il Governo e chiedono “un’accoglienza organizzata e competente”.

Leggi il documento dei vescovi lombardi
Leggi il documento dei vescovi siciliani
Nei due documenti, che pubblichiamo nell’allegato pdf, è contenuta una riflessione profonda circa le ragioni per cui si deve cambiare politica. Intanto, fanno notare i vescovi lombardi, non si può parlare di invasione. L’ Italia accoglie tuttora 55 mila profughi considerati rifugiati politici contro i 600 mila della Germania e i 200 mila della Francia. E all’epoca della guerra nella ex-Jugoslavia, il nostro Paese ha dato asilo a 77 mila persone. Quindi di fronte alla gente che fugge dalla violenza e della instabilità occorre una lettura più attenta e più libera.

     Spiegano che il Vangelo invita ad accogliere lo straniero, ma la stessa cosa fa la nostra Costituzione, che prevede il diritto d’asilo a tutti coloro ai quali nel proprio Paese non  è  garantito l’esercizio delle libertà democratiche previste dalla “nostra Costituzione”. Si badi bene: dalla “nostra” Costituzione e non da quelle di altri. Qui sta il punto, ma nessuno sembra ricordarsene.

     Ecco perché invece i vescovi siciliani chiedono di applicare “misure di protezione temporanea” a chi è sbarcato in questi mesi e ricordano che la logica dell’ “ordine pubblico” non funziona. Avvisano che si esasperano solo gli animi per ottenere “il rimpatrio” e per “dissuadere dal partire chi è rimasto”. Nel documento i vescovi della Sicilia insistono anche sulla revisione della disciplina della cittadinanza, argomento sottolineato anche dalla Settimana Sociale dei cattolici di Reggio Calabria, e su una “riforma generale della legge sull’immigrazione”.

I vostri commenti
3

Stai visualizzando  dei 3 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo