logo san paolo
mercoledì 08 dicembre 2021
 
dossier
 

Papa Francesco in Molise:
il palco è una capanna

04/07/2014  La visita porta Jorge Mario Bergoglio a diretto contatto con i problemi di una regione che sta perdendo la sua vocazione agricola e industriale. Il palco ricorda il ricovero dei pastori che camminavano sul tratturo, evocando una Chiesa "compagna di viaggio".

Così Campobasso nel tardo pomeriggio di venerdì 4 luglio. Foto di Annachiara Valle.
Così Campobasso nel tardo pomeriggio di venerdì 4 luglio. Foto di Annachiara Valle.

Campobasso,
dal nostro inviato

È davvero la Cenerentola d’Italia. Se il viaggio in Calabria si preannunciava difficile per l’asperità dei luoghi e per i problemi che da sempre attanagliano la regione, quello in Molise non sembra meno complicato
. Almeno a giudicare da come la regione si è preparata all’arrivo. L’Università degli studi, che ospita l’ufficio stampa, e che lo ospita in Aula magna per il primo degli incontri, guarda, dai suoi finestroni, una città in costruzione e già in decadenza. Con i palazzoni imbracati dalle impalcature, con i vicoli stretti che non si sa dove sbuchino, con le scritte che anche da lontano sporcano l’orizzonte.

Si presenta sobrio, l'odierno viaggio di papa Francesco. Forse fin troppo.

Due bandierine dello Stato della Città del Vaticano in un bar. Foto di Annachiara Valle.
Due bandierine dello Stato della Città del Vaticano in un bar. Foto di Annachiara Valle.

Campobasso non aspetta addobbata a festa, non ci sono bandiere che sventolano per strada. I suoi abitanti non esternano, almeno finora, la gioia che hanno dentro. “Siamo abituati a essere discreti nelle nostre emozioni”, commenta la barista che, invece, ha esposto due bandiere con i colori del Vaticano.

Il Papa incontra le ferite di questa terra. A cominciare da quella del lavoro. Un agricoltore e un’operaia della Fiat, che qui aveva investito negli anni d’oro, danno la loro testimonianza nel primo incontro in Aula magna.


Una Campobasso blindata attende il Papa. Foto Ansa.
Una Campobasso blindata attende il Papa. Foto Ansa.


Poi la Messa nell’ex stadio Romagnoli (il palco ricorda una capanna, e dunque le fatiche dei pastori, e dunque - anche - una Chiesa compagna di viaggio dell'umanità), l’adorazione del Santissimo Sacramento in Cattedrale e l’incontro con gli ammalati. Il pranzo, come ci ha ormai abituati nei suoi viaggi italiani, è con alcuni poveri della diocesi guidata da monsignor Giancarlo Bregantini. I commensali accolgono papa Francesco nella Casa degli Angeli, la nuova struttura della Caritas, che viene inaugurata proprio oggi dal Papa.

In elicottero lo spostamento a Castelpetroso. Al santuario dell’Addolorata, dove era già stato nel 1995 Giovanni Paolo II e dove era programmata la visita di Benedetto XVI prima della sua rinuncia, papa Francesco incontra i giovani delle diocesi dell’Abruzzo e del Molise. Da Avezzano il vescovo monsignor Pietro Santoro, accompagna i ragazzi e saluta il Papa insieme con una giovane. Non manca, poi, l’incontro con i detenuti della casa circondariale di Isernia, quello cin gli ammalati nella Cattedrale e con la cittadinanza intera subito dopo. Dalla piazza della cattedrale il Papa l’ultimo discorso del papa dal Molise con l’indizione dell’anno giubilare celestiniano.

Una riproduzione in bronzo della croce pettorale che Francesco porta da 15 anni in dimensioni accresciute ad opera di Paola Patriarchi Marinelli: è il dono che la Regione fa al Papa in occasione della sua visita in Molise. Foto Ansa..
Una riproduzione in bronzo della croce pettorale che Francesco porta da 15 anni in dimensioni accresciute ad opera di Paola Patriarchi Marinelli: è il dono che la Regione fa al Papa in occasione della sua visita in Molise. Foto Ansa..

Tra i doni, qualche curiosità. Al Papa vengono infatti vengono regalate anche delle campane. Una, in particolare, offerta dalla Regione, riproduce in bronzo la croce pettorale che Francesco porta da 15 anni. E'  opera di Paola Patriarchi Marinelli.  Durante la visita ad Isernia, infine, dove il Santo Padre incontra come già detto i detenuti, gli vengono consegnate due campane. La prima resterà nel carcere del capoluogo,  l'altra (La voce del cortile) sarà destinata ad un penitenziario dell'Argentina.

Multimedia
Papa Francesco in Molise: lavoro, poveri, giovani e Celestino V
Correlati
I vostri commenti
1

Stai visualizzando  dei 1 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo