logo san paolo
mercoledì 15 luglio 2020
 
 

In aumento le assunzioni di giovani

31/08/2011  Entro il 2011 saranno 208 mila, 11 mila in più dell’anno scorso, ma il 30 per cento in meno dall’inizio della crisi nel 2008

Nel 2011 le aziende italiane prevedono di assumere circa 208 mila giovani con meno di trent’anni, il 5,9% in più rispetto a quanto previsto nel 2010. Ma il confronto con il pre-crisi è impietoso, sia nei valori assoluti che nelle quote di assunzioni riservate ai giovani rispetto a quelle totali. Nel 2008 si prevedevano di assumere quasi 300 mila giovani: la flessione è del 30%. Lo riferisce il gruppo di ricerca Datagiovani che ha analizzato i primi dati disponibili sulle previsioni di assunzione delle imprese italiane.

Previsioni in ripresa rispetto al 2010.
Sia per quanto riguarda le assunzioni complessivamente previste che per quelle rivolte specificatamente ai giovani, la rilevazione 2011 mostra segnali di ripresa rispetto all’anno precedente: i posti di lavoro non stagionali messi a disposizione dalle imprese italiane sono infatti 595.160, circa 43 mila in più del 2010 (+7,8%). Di queste, nel 35% dei casi si richiede esplicitamente che si tratti di under 30, pari a poco più di 208 mila unità (11.500 in più del 2010, +5,9%).

La quota più consistente riguarda i giovani dai 25 ai 29 anni: si tratta di circa 155 mila posti previsti, il 26% del totale. La quota di posti di lavoro riservati ai giovani è in costante diminuzione. Nel 2005 il 41% delle previsioni di assunzione delle aziende si rivolgeva a personale sotto i 30 anni, sei punti percentuali in più del 2011. Da una parte ciò si può spiegare con l’entrata nel mercato del lavoro in età più avanzata dei giovani, che dunque deve rimodulare anche le “preferenze” delle imprese; dall’altra è però evidente che la crisi mette a disposizione delle aziende figure professionali di età più elevate, con esperienze lavorative maggiori, che rischiano di tagliare fuori dal mercato molti giovani.

«Dal 2008 al 2010 gli occupati dai 15 ai 34 anni sono diminuiti di oltre 800 mila unità – concludono i ricercatori di Datagiovani – e di altre 150 mila nel primo trimestre dell’anno. Le previsioni di assunzione dunque, sebbene in ripresa, potranno recuperare solo in parte il terreno perduto dall’inizio della crisi»

I vostri commenti
0
scrivi
 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo
Collection precedente Collection successiva
FAMIGLIA CRISTIANA
€ 104,00 € 92,90 - 11%
CREDERE
€ 88,40 € 0,00 - 35%
MARIA CON TE
€ 52,00 € 39,90 - 23%
CUCITO CREATIVO
€ 64,90 € 43,80 - 33%
FELTRO CREATIVO
€ 23,60 € 18,00 - 24%
AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
€ 46,80 € 38,90 - 17%
IL GIORNALINO
€ 117,30 € 91,90 - 22%
BENESSERE
€ 34,80 € 29,90 - 14%
JESUS
€ 70,80 € 60,80 - 14%
GBABY
€ 34,80 € 28,80 - 17%
GBABY
€ 69,60 € 49,80 - 28%