Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
sabato 20 aprile 2024
 
dossier
 

Pedalando con fede: da Como a Lisbona, «un andare lento, alla scuola del Vangelo»

31/07/2023  Partiti il 27 luglio, i giovani della comunità pastorale di Bulgaro Grasso e Guanzate, in provincia di Como, dopo 670 chilometri in sella raggiungono la capitale portoghese per unirsi ai ragazzi della 37a Giornata mondiale della gioventù. A guidarli don Alessio Bianchi: «ripartiamo da Madrid dove ci eravamo lasciati nell'incontro del 2011. L’idea è di bussare alle porte di chi ci ospiterà lungo il cammino, facendo conoscenza con grande semplicità»

Hanno preso l’aereo giovedì 27 luglio diretti a Madrid per poi proseguire da lì in bici verso Lisbona. Sono i giovani della comunità pastorale di Bulgaro Grasso e Guanzate, provincia di Como. A guidarli don Alessio Bianchi, 50 anni, responsabile della pastorale giovanile.

«Ripartiamo da dove ci eravamo fermati nel 2011; in occasione della Giornata mondiale della gioventù di Madrid avevamo fatto un pellegrinaggio sempre in bici partendo da Milano con gli oratori di San Giuseppe dei Morenti e di Cesano Maderno Binzago. In continuità partiamo da lì e arriviamo a Lisbona percorrendo 670 chilometri. Le tappe sono state preparate da una mamma che ha sempre lavorato per l’ente nazionale per il turismo spagnolo. Al giorno faremo circa 100 chilometri di media; dovremmo passare da Merida e arrivare a Lisbona il 4 agosto».

Per chi li vorrà seguire durante il percorso… «siamo visibili su Instagram (https://instagram.com/gmg.guanzabulgar.esi?igshid=NGExMmI2YTkyZg==) e Facebook (https://www.facebook.com/profile.php?id=100094220125925) con il gruppo Giramondo giovani creato anche per ringraziare chi ha sostenuto economicamente il nostro viaggio. Siamo ventitré persone, diciotto che pedalano e cinque dello staff: due suore, due autisti e una ragazza che si occupa di cucina e cambusa etc. L’idea è di bussare alle porte di chi ci ospiterà lungo il cammino, facendo conoscenza. Portiamo il materassino, dormiamo a terra avvicinandoci piano piano a Lisbona; sul pulmino una piccola cucina da campo».

Non è una prestazione sportiva quella che hanno deciso di affrontare; «è più cicloturismo anche se 670 chilometri… i ragazzi vanno dai 17 anni, unico minorenne, ai primi anni di università; a Lisbona ci uniamo a quattro più grandi che lavorano, non potevano partire con noi e quindi li troveremo già là e ci fanno da apripista». Per il ritorno? «Un gruppetto salirà in aereo, qualcuno tornerà con il pulmino e qualcuno aggregandosi a un altro oratorio». Il senso di questa esperienza? «Io adoro la bicicletta perché è lenta, ma non come i piedi. Una lentezza che permette custodia e cura reciproca come insegna Gesù; quel camminare leggeri “senza residuo carbonico”, quell’andare fidandosi della strada e di chi si incontra con tanta semplicità».

Multimedia
Gmg, le più belle immagini della Messa conclusiva del Papa
Correlati
«A Fatima, crocevia drammatico del '900, Maria ripete ancora ai giovani: "Fate come Lui vi dirà"»
Correlati
Gmg, le più belle immagini della Messa conclusiva del Papa
Correlati
 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo