logo san paolo
sabato 02 luglio 2022
 
 

In che senso, per il Papa, la Chiesa è donna?

14/10/2017 

ELISA M. - Il nostro Papa ha detto: «La Chiesa è donna perché Maria è donna». Che cosa intendeva? In che senso l’insieme di tutti i credenti è donna?

Il rapporto fra Dio e il suo popolo, nella letteratura profetica, e quello fra Cristo e la Chiesa, in particolare nella teologia paolina, viene descritto secondo la metafora sponsale, sicché l’amore dell’uomo e della donna è il segno dell’amore di Dio per noi e di Cristo per la Chiesa. Da questa profonda analogia, presente nelle Scritture, proviene l’espressione relativa al carattere femminile della Chiesa, composta certo di donne e uomini ma nel suo insieme pensata come la “sposa” di Cristo, alla quale egli dona sé stesso e che custodisce con tutto il suo amore. La stessa Chiesa è definita anche madre dei credenti, in quanto dona loro il Vangelo e i sacramenti. Il linguaggio è metaforico, ma non può essere diversamente quando si cerca di esprimere il “mistero” di Dio e dell’uomo, della grazia e della fede, per cui attingiamo all’esperienza umana fondamentale dell’amore coniugale per scorgere in esso il segno dell’amore divino, ma anche attraverso di esso il legame-vincolo sostanziale che unisce Dio e l’umanità, Cristo e la Chiesa

I vostri commenti
4

Stai visualizzando  dei 4 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo