Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
mercoledì 29 maggio 2024
 
 

In che senso si può affermare la paternità di san Giuseppe?

12/01/2023  Ascoltando durante le vacanze di Natale la santa Messa e le storie sulla Sacra Famiglia, mi chiedo in che modo si possa affermare la paternità di san Giuseppe?

Abbiamo ascoltato in questi giorni di Natale nei Vangeli le vicende della Sacra Famiglia. In che senso si può dire che Giuseppe è padre di Gesù? - LARA

 

La venuta storica di Gesù non ci rivela che vi è un dio che è nostro padre! La nostra figliolanza (da un dio) era già stata intuita dai filosofi greci: per esempio negli Atti degli apostoli, al cap. 17 Paolo cita gli antichi “poeti”. Gesù ci parla, invece, della Sua propria figliolanza da Dio Padre (generazione eterna, della stessa sostanza). In questa relazione, Egli ci fa entrare nel mistero della Trinità, svelandoci il senso profondo dell’essere figli del Padre in Lui Figlio Prediletto. Nell’Incarnazione non assunse solo la carne e una figliolanza materna (da Maria), ma anche quella paterna e familiare (per Giuseppe). Questi fu scelto dall’eterno Padre come custode di Gesù e Maria «e assolse questo incarico con la più grande assiduità». Egli è il padre putativo «per mezzo del quale e sotto il quale Cristo fu introdotto nel mondo in modo ordinato e onesto», come si legge nell’Ufficio delle Letture del 19 marzo, solennità di San Giuseppe. E che Gesù «imparò l’obbedienza dalle cose che patì» (Ebrei 5,8) indica prima di tutto il dolce giogo della sottomissione a Giuseppe (e a Maria), e non solo l’asprezza e l’ingiustizia delle autorità umane che lo condanneranno alla Croce. Dunque per essere completamente “Figlio dell’Uomo” si sottopose anche a una paternità umana.

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo