logo san paolo
mercoledì 01 dicembre 2021
 
L'allarme per i dati Europol
 

In Europa scompare un minore ogni due minuti

25/05/2016  Oggi la Giornata internazionale dei bambini che scappano da casa, vengono rapiti o sottratti da un genitore, fuggono da guerre, povertà e catastrofi naturali. E scompaiono. Sono 209.841 le chiamate ricevute nel 2015 dalla rete europea. In Italia il servizio è gestito dal Telefono azzurro. Papa Francesco: «E' dovere di tutti proteggere i bambini».

Si celebra oggi 25 maggio la Giornata mondiale dei bambini scomparsi. Bambini che scappano da casa, vengono rapiti o sottratti da un genitore, fuggono da guerre, povertà e catastrofi naturali. Oppure giovani immigrati che approdano sulle nostre coste senza adulti al seguito, e rischiano di finire vittime dello sfruttamento e della tratta. In occasione di questa ricorrenza papa Francesco all’udienza generale ha ricordato che «è un dovere di tutti proteggere i bambini, soprattutto quelli esposti ad elevato rischio di sfruttamento, tratta e condotte devianti». «Auspico», ha proseguito il Papa, «che le autorità civili e religiose possano scuotere e sensibilizzare le coscienze, per evitare l'indifferenza di fronte al disagio di bambini soli, sfruttati e allontanati dalle loro famiglie e dal loro contesto sociale, bambini che non possono crescere serenamente e guardare con speranza al futuro. Invito tutti alla preghiera affinché ciascuno di essi sia restituito all'affetto dei propri cari».
Di questo problema se ne occupa Missing Children Europe, il network di 29 Organizzazioni Non Governative attive in 24 Paesi europei, che gestiscono altrettante linee telefoniche per bambini scomparsi. Il numero unico europeo è il 116.000, attivo 24 ore su 24, in Italia gestito da Telefono Azzurro, in convenzione con il Ministero dell’Interno.  Altri due numeri fondamentali sono il Centro Nazionale di Ascolto 19696 di Telefono azzurro  e il Servizio 114 Emergenza Infanzia.
In Europa ogni due minuti arriva la segnalazione di un minore scomparso. In Europa, nel 2015, sono state 209.841 le chiamate ricevute dalla rete europea per i bambini scomparsi. Di queste, il 54% ha riguardato segnalazioni per fughe da casa, mentre il 29% casi di sottrazione parentale. Nello stesso anno, in Italia, sono stati 163 i casi di bambini scomparsi, fuggiti da casa/istituto o soggetti a rapimento, gestiti da Telefono Azzurro, attraverso il 116.000, Ma il dato più allarmante riguarda i minori stranieri non accompagnati. I dati Europol parlano di  10.000 migranti minorenni non accompagnati scomparsi dopo il loro arrivo in Europa. Eppure solo il 2% delle chiamate alle linee del 116.000 riguardano i minori non accompagnati. E in Italia in fenomeno è in crescita: nel 2015 i casi di minori stranieri non accompagnati rappresentano ben il 40% dei casi, e solo nei primi tre mesi del 2016 ammontano a 33 segnalazioni ricevute.


Purtroppo i finanziamenti dell’Unione europea, sui quali molte linee fanno affidamento, sono stati interrotti, portando a una diminuzione del bilancio (52%) e delle risorse impiegate nella gestione del servizio (31%). Un calo, quest’ultimo, che ha reso impossibile dare una risposta al 39% di chiamate in arrivo, a fronte di un aumento consistente di casi dal 2011 al 2014.
Una buona notizia arriva Fondazione Poste Insieme Onlus, che ha garantito un sostegno economico  alle attività gestite da Telefono Azzurro. «Con il finanziamento erogato da Poste Insieme Onlus» ha dichiarato la presidente di poste italiane Luisa Todini, «sarà ora possibile ampliare l'operatività fino a 24 ore su 24 in italiano e in inglese, dare sostegno psicologico anche dopo il ritrovamento, attivare percorsi formativi per gli operatori del servizio».

I vostri commenti
4

Stai visualizzando  dei 4 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo