Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
lunedì 20 maggio 2024
 
 

In Italia oltre un milione di famiglie non ha un conto corrente

24/01/2024  Il dato nella indagine sull’inclusione finanziaria realizzata da Banca Etica e nel Rapporto sul microcredito in Italia. Intanto la "desertificazione bancaria" rende difficile l'accesso al credito.

In gergo tecnico si chiamano “soggetti debancarizzati”. Sono le persone che non possiedono un conto di deposito di nessun tipo e perciò non hanno  accesso a strumenti finanziari di base, siano essi di risparmio o di pagamento. Quanti sono in Italia?

Secondo l’elaborazione di Banca Etica dei dati sui bilanci delle famiglie di Banca d’Italia, al 2020 erano 4,4 per cento della popolazione italiana. “Considerato quante famiglie vivono in Italia, e la loro numerosità media in termini di componenti, si può stimare in circa 1,1 milioni il numero di nuclei familiari italiani esclusi finanziariamente, per un totale di 2,3 milioni di individui”. Il dato è preso dalla seconda edizione del rapporto “Inclusione finanziaria e microcredito. Con le comunità per contrastare la povertà e l’esclusione”. Il rapporto è frutto della collaborazione tra Gruppo Banca Etica, Rete Italiana di Microfinanza e c.borgomeo&co. nella quale si fondono la 5° Indagine sull’inclusione finanziaria realizzata da Banca Etica e la 17° edizione del Rapporto sul microcredito in Italia curata da c.borgomeo&co. e RITMI (Rete Italiana di Microfinanza e Inclusione Finanziaria).

Il Sud è penalizzato. Fra le famiglie finanziariamente escluse, il 78,2 per cento vive nel Mezzogiorno. In Campania e in Molise quasi il 20 per cento della popolazione non ha accesso ad alcun strumento finanziario; è circa il 12 per cento  in Calabria e Sicilia; meglio, ma sempre sopra la media nazionale, la situazione in Puglia e Basilicata (più del 5 per cento).

La difficoltà di accesso al credito da parte risente anche della crescente assenza di banche sul territorio. È il fenomeno della desertificazione bancaria. Secondo i dati Fabi e Osservatorio sulla desertificazione bancaria di First Cisl, “nel 2022 in Italia hanno chiuso 554 sportelli bancari (-2,6 per cento). Quattro milioni di persone vivono oggi in un Comune senza alcuna filiale, 6 milioni in località con un solo sportello a disposizione”.

In questo contesto le famiglie in difficoltà (“il crescente sovraindebitamento delle famiglie e delle imprese sta assumendo proporzioni davvero allarmanti”, si legge nel rapporto),  rischiano di alimentare circuiti di finanziamento illegali legati alla criminalità organizzata.

Una risposta a questa situazione può arrivare dal microcredito. La ricerca rileva come nel 2022 sono stati concessi microprestiti a 15.679 beneficiari, per un ammontare complessivo di quasi 214 milioni di euro, erogati a 130 soggetti. Il microcredito  aiuta a favorire l’inclusione finanziaria e il contrasto alla povertà, ma mostra anche dei limiti: solo il 40 per cento dei finanziamenti sono diretti a donne e solo il 2 per cento dei finanziamenti di microcredito produttivo sono destinati a imprenditori stranieri.

Il rapporto indica tre strade per frenare l’esclusione: un’azione capillare di prevenzione, il rafforzamento delle relazioni tra attività bancarie tradizionali ed enti di microcredito, veicolare la raccolta del risparmio verso progetti mirati e verso attori dell’economia sociale che supportano le persone in condizioni di fragilità.

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo