Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
giovedì 18 aprile 2024
 
mosca
 

Putin accoglie Kim, l'amico ritrovato

13/09/2023  Isolati dalla comunità internazionale e colpiti da sanzioni, il leader russo e quello nordcoreano si sono incontrati nel cosmodromo di Vostochny. Previste varie forme di cooperazione, anche in campo militare

Annunciato da giorni, restava l’incertezza dei tempi e del luogo in cui ci sarebbe stato l’incontro fra Vladimir Putin e Kim JongUn. Alla fine il lento e super blindato treno su cui viaggia il leader nordcoreano è approdato a Vostochny, dove nel 2016 è stato inaugurata la nuova base per i lanci spaziali della Russia. Scelta non casuale, perché come riferiscono i media statali russi, il luogo è stato scelto perché Mosca intende aiutare la Corea del Nord con i suoi programmi satellitari.

Putin e Kim Jong Un hanno parlato per due ore, prima di sedersi a pranzo per gustare un’insalata di anatra, ravioli di granchio, zuppa di pesce, storione con i funghi e una macedonia di frutti di bosco.

Meno esplicito il “menu” della discussione fra i due dittatori. Entrambi sono stati molto generici nelle loro dichiarazioni, soffermandosi soprattutto  sulla loro amicizia di lunga data. "Oggi ci sforziamo di rafforzare i legami di cameratismo e buon vicinato", ha dichiarato Putin."La nostra amicizia ha radici profonde. E ora le relazioni con la Federazione Russa sono la priorità assoluta", ha detto Kim. Inoltre il leader nordcoreano  ha aggiunto: "Spero che saremo sempre insieme nella lotta contro l'imperialismo e per la costruzione di uno Stato sovrano".

Nel brindisi alla cena ufficiale con Vladimir Putin, il leader nordcoreano, ha reso poi omaggio a quello che ha definito "l'eroico esercito russo", dicendosi convinto che vincerà nella cosiddetta "operazione speciale" in Ucraina.

I colloqui sono stati "importanti e sostanziali", ha dichiarato il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov, secondo quanto riportato dall'agenzia di stampa russa Interfax. Peskov ha aggiunto che la Corea del Nord è interessata a cooperare con la Russia nei settori dell'aviazione e dei trasporti.

La Russia, stremata da 18 mesi di guerra in Ucraina ha disperatamente bisogno di armi e munizioni e l’arsenale di Kim può dare ossigeno alle forze armate impegnate nel conflitto. La Corea del Nord  in cambio può ottenere scorte alimentari e la tecnologia necessaria per sviluppare i suoi programmi in campo spaziale e satellitare.

“L’obiettivo della Corea del Nord è impossessarsi di tecnologia atta a mettere in orbita satelliti spia e portare avanti le ricerche per dotare i loro sottomarini con armi nucleari”, ha detto intervento a Radio3mondo Antonio Fiori, docente di International Relations of East Asia all’Università di Bologna  e autore del libro il nido del falco. Mondo e potere in Corea del Nord. Sulla cooperazione militare fra i due Paesi è scontato che verrà mantenuta la riservatezza. Putin in un'intervista alla televisione Rossiya 1, ripresa dall'agenzia Ria Novosti, si è limitato a dire che ci sono “prospettive” di cooperazione in questo campo. Comunque a Vostochny Putin era accompagnato dal ministro della difesa Sergei Shoigu, mentre Kim si è fatto accompagnare dai massimi vertici dell’esercizio nordcoreano.

“La Corea del Nord”, aggiunge Fiori, “ è piena zeppa di materiali bellici, ma non stiamo parlando dell’arsenale più sviluppato nordcoreano. La Corea del Nord, nonostante alleanze e trattati, non fornirebbe mai a un paese terzo i suoi  missili balistici intercontinentali e  altri  mezzi tecnologicamente avanzati. Questo per l’intrinseca diffidenza che il Paese sente nei confronti del mondo e anche di quelli che in questo momento storico possono essere considerati come degli alleati”.

Kim continuerà ancora per qualche giorno la sua visita in Russia. Sono previste tappe a Vladivostok e a Komsomolsk-on-Amur, dove Kim visiterà le fabbriche della difesa e dell'aviazione civile. A quanto pare, per questi spostamenti, potrebbe anche prendere l’aereo.

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo