logo san paolo
venerdì 04 dicembre 2020
 
donne coraggio
 

In memoria di Salome, eroica infermiera anti-Ebola

05/03/2017  E' scomparsa a Monrovia, in Liberia, Salome Karwah, la donna simbolo della lotta all'Ebola. Aveva 28 anni, era stata nominata "persona dell'anno" nel 2014 dalla rivista "Time". Sopravvissuta al virus, è morta di parto.

L’8 marzo è alle porte. La Festa della donna, quest’anno,  non potrà essere celebrata senza il ricordo di una donna straordinaria che ha speso la vita per la vita, ed è morta per la dare la vita.  Salome Karwah, la coraggiosa infermiera diventata il simbolo della lotta all’Ebola,  è morta il 21 febbraio scorso a Monrovia in Liberia, uno dei tre Paesi dell’Africa occidentale dove nel 2014 era scoppiato con violenza inaudita il virus che causò una terribile epidemia con migliaia di vittime.

 

E’ scomparsa a 28 anni, a tre giorni dalla nascita del suo quarto figlio, pare per non essere stata soccorsa tempestivamente  dai sanitari, che temevano di essere infettati.  La giovane liberiana, infatti,  secondo la denuncia del marito, a tre giorni dalle dimissioni dall’ospedale dove aveva partorito, aveva accusato un malore, ma medici e infermieri non l’avrebbero soccorsa con tempestività, lasciandola per ore in ambulanza. Salome era una sopravvissuta ad Ebola e i colleghi temevano ancora il contagio.   

 

Effettivamente la donna aveva contratto il virus, prestando soccorso ai colpiti dalla malattia, nel periodo in cui l’epidemia mieteva più vittime, a fianco dei medici negli ospedali della capitale liberiana. Ma ne era anche uscita indenne, tant’è che i test di controllo effettuati di recente erano risultati tutti negativi. Era la prova vivente che si poteva scampare da Ebola, anche dopo averlo guardato in faccia. Anche dopo aver strappato dalle sue spire velenose tanti e tanti malati.

 

Per il suo coraggio e per la dedizione verso queste persone, Salomè nel 2014 era stata nominata “persona dell’anno” dalla rivista “Time” e il suo volto,  sorridente aveva fatto il giro del mondo, come quella posa  risoluta e forte  nella quale era stata ritratta, in camice, per la copertina del giornale, con le braccia conserte, pronta a tornare  tra i suoi pazienti, per prestar loro le cure più amorevoli.  Era diventata il volto dolce e, assieme, eroico degli “Ebola Fighter”, lei, donna, africana, proveniente da uno dei Paesi più poveri dell’Africa a più alta mortalità per parto. E il destino ha voluto che di parto, lei che era sopravvissuta al virus, morisse.   

 

Era solita dire: «Se un paziente non vuole mangiare, io lo incoraggio a mangiare. Se è debole e non riesce a lavarsi da solo, io lo aiuto a lavarsi. Aiuto i pazienti in tutto ciò che posso perché so che cosa vuol dire sperimentare l’Ebola, anch’io l’ho vissuta».   

 

La testimonianza di Medici senza Frontiere, con cui a lavorato a fianco nei giorni più virulenti dell’epidemia,  vale molto più di tanti commenti:  «L’esperienza diretta della malattia ha mosso in Salome una grande empatia verso i pazienti dei quali si è presa molta cura. Tutti i membri dello staff che hanno lavorato con lei ricordano la sua forza e compassione, ma anche il suo sorriso. Ha dato un enorme contributo al lavoro di MSF nel momento del picco dell’epidemia a Monrovia. Salome è diventata anche il simbolo della lotta alla stigmatizzazione dei sopravvissuti all’Ebola, prendendo parte a molte interviste con media locali e internazionali. E’ stato davvero coraggioso da parte sua, ancor più in un paese nel bel mezzo di un’epidemia e molto spaventato dal virus».

I vostri commenti
3
scrivi

Stai visualizzando  dei 3 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo
    Collection precedente Collection successiva
    FAMIGLIA CRISTIANA
    € 104,00 € 0,00 - 11%
    CREDERE
    € 88,40 € 0,00 - 35%
    MARIA CON TE
    € 52,00 € 39,90 - 23%
    CUCITO CREATIVO
    € 64,90 € 43,80 - 33%
    FELTRO CREATIVO
    € 23,60 € 18,00 - 24%
    AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
    € 46,80 € 38,90 - 17%
    IL GIORNALINO
    € 117,30 € 91,90 - 22%
    BENESSERE
    € 34,80 € 29,90 - 14%
    JESUS
    € 70,80 € 60,80 - 14%
    GBABY
    € 34,80 € 28,80 - 17%
    GBABY
    € 69,60 € 49,80 - 28%
    I LOVE ENGLISH JUNIOR
    € 69,00 € 49,90 - 28%
    PAROLA E PREGHIERA
    € 33,60 € 33,50
    VITA PASTORALE
    € 29,00
    GAZZETTA D'ALBA
    € 62,40 € 0,00 - 14%