Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
lunedì 15 luglio 2024
 
Dialogo in terra di Israele
 

In mezzo a tante guerre, chi ancora parla di pace?

24/11/2023  Si parla di pace nella puntata di "Sulla via di Damasco di domenica" 26 novembre ale 7,30 su Rai 3. Con le testimonianza di una regista israeliana e di una donna isreaeliana con tre figli al fronte

Ignazio Ingrao ed Eva Crosetta
Ignazio Ingrao ed Eva Crosetta

Mentre aumentano i fronti di guerra, si alzano nel mondo grida e invocazioni di pace. Ma chi ascolta queste grida? Come far fronte a questa nuova pandemia della guerra? Dove comincia la pace? Domande che Eva Crosetta, rivolgerà a Ignazio Ingrao, giornalista e vaticanista del TG1, domenica 26 novembre, su Rai Tre, ore 7.30, in un colloquio a  tutto campo che analizzerà l’andamento, le cause e le possibili soluzioni di questa “terza guerra mondiale a pezzi”.

Una scena del docufilm "Egypt, a Love song"
Una scena del docufilm "Egypt, a Love song"

All'interno del programma di Vito Sidoti, storie di chi non si limita a parlare di pace, ma la costruisce nel presente, come Iris Zaki, regista israeliana, trionfatrice alla XIX edizione del Terni Film Festival (2023) con il documentario Egypt, a Love song: nel suo film ha fatto rivivere la storia della sua famiglia, discendente da un matrimonio tra un musulmano e un’ebrea. A seguire la testimonianza di Angelica Livnè, educatrice del kibbutz Sasa, madre di tre figli arruolati. La sua Fondazione Beresheet la shalom (Un inizio per la pace), con il Teatro arcobaleno, investe  nella pedagogia della pace. In chiusura, subito dopo le parole di papa Francesco sulla “Chiesa madre e senza porte”, il ricordo del Card. Achille Silvestrini, un pastore che ha creduto ad un mondo senza bandiere, barriere e confini. 
 
 

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo