logo san paolo
mercoledì 08 dicembre 2021
 
IL TEOLOGO
 

In piedi, seduti o in ginocchio: come stare a Messa?

05/06/2016  Quali sono gli atteggiamenti corretti da assumere durante una celebrazione eucaristica per coniugare nel modo giusto rispetto e spontaneità? Risponde don Silvano Sirboni.

PIETRO Durante la Messa vedo che non tutti i fedeli assumono gli stessi atteggiamenti. Quali sono le norme precise per i diversi momenti della celebrazione?

Il teologo don Silvano Sirboni
Il teologo don Silvano Sirboni

Le norme del Messale prevedono fondamentalmente due atteggiamenti: in piedi (durante le orazioni presidenziali, compresa la preghiera eucaristica, e la proclamazione del Vangelo); seduti durante la proclamazione delle letture e l’omelia. Altri atteggiamenti durante la Messa sono pure previsti dalle norme in certi momenti, ma lasciati alle diverse tradizioni culturali, alle circostanze e possibilità del luogo e delle persone.

Durante la preghiera eucaristica è possibile e lodevole inginocchiarsi durante la consacrazione «a meno che lo impediscano lo stato di salute, la ristrettezza del luogo, o il gran numero dei presenti, o altri ragionevoli motivi» (Premesse al Messale n. 43). In ogni caso, «per ottenere l’unità dei gesti e degli atteggiamenti... i fedeli seguano le indicazioni del diacono o altro ministro». L’unità di comportamento manifesta, infatti, l’unità dell’assemblea.

Silvano Sirboni

I vostri commenti
28

Stai visualizzando  dei 28 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo