Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
venerdì 24 maggio 2024
 
Anniversari
 

In ricordo di Fabrizio Frizzi, speciale su Rai play

23/03/2021  Da oggi la puntata di "Ossi di seppia" in cui è l'amico Carlo Conti a rievocare, a tre anni dalla scomparsa, il personaggio televisivo così amato, e l'uomo dotato di grande sensibilità e amore per la vita

L’uomo dei sorrisi e degli abbracci per tutti se ne va improvvisamente a sessanta anni, a causa di una emorragia cerebrale. Fabrizio Frizzi: un grande artista, un uomo di spettacolo, un grande amico del Paese intero. L’Italia si commuove e piange per lui che, parlando della sua malattia, diceva: “non è ancora finita”. Invece la battaglia per la vita si è interrotta, nel letto di un ospedale romano, il 26 marzo del 2018. 
Nell’ undicesima puntata di “Ossi di Seppia. Il rumore della memoria“, dal 23 marzo in esclusiva su RaiPlay, sarà Carlo Conti a raccontare l’uomo che Fabrizio Frizzi è stato. Lo racconta attraverso gli occhi di un amico, svelando anche  il lato intimo che si celava dietro l’eterno ragazzo della Tv italiana. Dalle piccole paure di essere diventato padre in età avanzata, alla malattia, passando per la tenacia e il profondo attaccamento per la vita che Fabrizio aveva. Diceva infatti “La vita è meravigliosa” eppure succede qualcosa che mai nessuno avrebbe immaginato potesse accadere. Durante la registrazione del programma “L’Eredità” viene colto da un malore. Trasportato in un ospedale della capitale viene dimesso alcuni giorni dopo. Fabrizio Frizzi torna in Tv, sempre alla guida del programma di RaiUno malgrado le terapie a volte sfiancanti. Poi l’epilogo nel suo letto d’ospedale quando, dopo lunghe battaglie, si arrende a un male incurabile.

“Ossi di Seppia. Il rumore della memoria” racconta quegli eventi che hanno caratterizzato gli ultimi trent’anni della storia italiana attraverso le testimonianze di chi l’ha vissuta. In tutte le ventisei puntate un filo intreccia il passato al presente e si fonde proprio nell’impensabile, in quel qualcosa appunto che mai nessuno avrebbe immaginato potesse accadere e che invece finisce per sconvolgere completamente la nostra esistenza.

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo