logo san paolo
lunedì 08 agosto 2022
 
Non è un Paese per la scienza
 

In Senato c'è una pericolosa lobby antivaccini

29/09/2016  Dal caso della proiezione annullata del film "Vaxxed" alla virologa e deputata Ilaria Capua che dopo una campagna mediatico-giudiziaria lascia il Parlamento e va a lavorare in America: sempre più le istituzioni repubblicane sono trasformate in palcoscenico per i fan delle tesi più strampalate e antiscientifiche.

Se in questi giorni il celebre marziano immaginato da Ennio Flaiano atterrasse a Roma dalle parti del Parlamento chissà cosa penserebbe del nostro Paese. Nelle ultime ventiquattro ore sono accaduti due fatti che la dicono lunga sull’Italia più dei politici inquisiti, della corruzione dilagante, degli sprechi della casta, degli stipendi d’oro e di tutte quelle belle cose per le quali (ma non solo, per fortuna) siamo famosi in tutto il mondo.

Il primo va in scena tra i velluti damascati del Senato della Repubblica dove per il 4 ottobre, su iniziativa del senatore Bartolomeo Pepe, ex grillino, ora del gruppo Grandi Autonomie e Libertà (Gal), era in programma la proiezione del documentario Vaxxed: From Cover-Up to Catastrophe (Vaccini, dall'insabbiamento alla catastrofe), di Andrew Wakefield, che difende la tesi, falsa, sulla responsabilità delle vaccinazioni nell’insorgenza dell’autismo nei bambini. L’iniziativa per fortuna è saltata. Wakefield è stato condannato e radiato dal Medical Register del Regno Unito per aver pubblicato uno studio che metteva in relazione con l’autismo la vaccinazione contro il morbillo, la parotite e la rosolia e che è stato giudicato falso perché completamente privo di evidenze scientifiche da tutti gli studiosi. L’ex medico venne anche accusato di aver falsificato dei dati per cercare di dimostrare che un vaccino causa l’autismo allo scopo di commercializzare un proprio vaccino. La campagna basata su questa bufala ha causato nel Regno Unito una riduzione delle vaccinazioni con un forte aumento dei casi di morbillo e diversi casi di morte evitabili. Il film è lo stesso che Robert De Niro, che ha un figlio autistico, voleva proiettare nel suo Tribeca Film Festival, ma che alla fine non ha fatto perché gli è stato spiegato che non stava dando spazio a un’informazione censurata dalle istituzioni ma a una pericolosissima disinformazione.

E la libertà d’espressione? Non c’entra un fico secco, in questa storia. Perché, al di là del patrocinio (non dato) del Senato alla proiezione del film, non si può utilizzare un luogo istituzionale, in collegamento streaming con l’autore del documentario, per sostenere tesi confutate da tutta la comunità scientifica su un argomento così delicato che ha a che fare con la sicurezza e la salute di bambini e anziani. Non si possono usare le istituzioni per propalare menzogne a danno della salute pubblica. Questa e altre campagne che spesso e volentieri viaggiano sul web hanno già creato, come ha spiegato l’Istituto Superiore di Sanità, il calo di oltre il 5% delle coperture vaccinali portando il nostro Paese sotto la soglia di sicurezza. Chi sostiene il diritto di Wakefield di dire la sua dovrebbe anche invitare in Senato qualcuno che magari sostiene che le cinture di sicurezza o i guardrail sono la causa degli incidenti automobilistici. Peraltro il 29 settembre, sempre al Senato, è stato organizzato un convegno per parlare della validità di agopuntura, ayuyrveda, omeopatia e di altre terapie “complementari”, e non riconosciute dalla medicina, e soprattutto del loro eventuale ingresso tra le pratiche a carico del Servizio Sanitario Nazionale.

La virologa padovana Ilaria Capua, eletta alla Camera con Scelta civica , è stata prosciolta lo scorso luglio dalle imputazioni di associazione a delinquere, epidemia e tentata epidemia. Il gip di Verona ha decretato il non luogo a procedere "perché il fatto non sussiste"
La virologa padovana Ilaria Capua, eletta alla Camera con Scelta civica , è stata prosciolta lo scorso luglio dalle imputazioni di associazione a delinquere, epidemia e tentata epidemia. Il gip di Verona ha decretato il non luogo a procedere "perché il fatto non sussiste"

La virologa calunniata ingiustamente che lascia l'Italia per andare in America

Il secondo episodio va in scena nell’Aula della Camera dove la deputata Ilaria Capua, virologa eletta con Scelta Civica, ha presentato le sue dimissioni (accolte con 238 voti a favore e 179 contrari) dopo il proscioglimento dall’assurda inchiesta giudiziaria che insieme all’infamante campagna di stampa, alimentata anche da numerosi esponenti politici del Movimento 5 Stelle, l’ha inchiodata per anni nel ruolo di untrice con accuse infondate. La Capua, che ha scoperto la sequenza genetica dell'aviaria, nel 2014 era stata iscritta nel registro degli indagati per associazione a delinquere finalizzata alla corruzione, abuso di ufficio e traffico illecito di virus.
«Dopo un anno dalla mia elezione», ha detto l’ex deputata in Aula, «sono stata travolta da un’indagine giudiziaria risalente agli anni duemila che mi accusava di reati gravissimi, uno dei quali punibile con l’ergastolo. È stato per me un incubo senza confini e una violenza che non solo mi ha segnata per sempre, ma che ha coinvolto e stravolto anche la mia famiglia. L’effetto più devastante che queste accuse hanno avuto sul mio ruolo di parlamentare è stato quello di avere minato la mia credibilità, ed è proprio in questo particolare della vicenda che entra in gioco la parola “rispetto”». Da qui la scelta di lasciare l’Italia e la Camera per andare a dirigere un centro di eccellenza dell’Università della Florida.

Il nostro marziano capirebbe questo, dell’Italia: chi ha scoperto e isolato il virus dell’influenza aviaria va a lavorare in America e lascia il Parlamento dove invece restano i sostenitori dell’antivaccino e si discute amabilmente, tra una proposta di legge e l’altra, di scie chimiche e medicina alternativa.  

I vostri commenti
33

Stai visualizzando  dei 33 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo