logo san paolo
mercoledì 27 ottobre 2021
 
 

In viaggio con Van Gogh e Gauguin

04/12/2011  Visita alla grande mostra allestita al Palazzo Ducale di Genova, con una guida d'eccezione, il curatore Marco Goldin, che la dedica alle vittime dell'alluvione.

Il celebre "Autoritratto al cavalletto" di Van Gogh.
Il celebre "Autoritratto al cavalletto" di Van Gogh.

«Questa mostra vale dieci volte le mostre che ho fatto sino ad ora». È un Marco Goldin visibilmente emozionato quello che ci accompagna nel percorso della mostra di Palazzo Ducale, a Genova, Van Gogh e il viaggio di Gauguin. Cinque milioni di euro per un’esposizione che vanta prestiti pazzeschi come l’epocale Da dove veniamo chi siamo dove andiamo, l’opera testamento di Paul Gauguin, uscita dal museo di Boston solo quattro volte in un secolo, e una quarantina di opere di Van Gogh tra cui Il seminatore e il celeberrimo Autoritratto al cavalletto. E poi Turner, Kandinsky, Rothco, Morandi: capolavori assicurati per un valore complessivo di oltre un miliardo di euro.

In un certo senso è la sua mostra, quella in cui il fondatore e direttore di Linea d’ombra si è sentito più libero e più coinvolto, a cominciare dall’allestimento, inseguendo il tema del viaggio. Ma è una mostra particolare anche perché si è aperta nel bel mezzo della tragedia di Genova, e qui nessuno ha intenzione di dimenticarlo. «Abbiamo voluto dedicarla alle vittime dell’alluvione e alle centinaia di volontari che si sono messi in gioco», ci spiega, «non era possibile rinviarla, le opere erano già in viaggio dai musei di tutto il mondo, le assicurazioni non avrebbero capito; d’altra parte i genovesi non ce l’hanno chiesto. Al contrario. Genova è una città che vuole ripartire, e questa è una mostra che mette in gioco le nostre emozioni, la nostra umanità».

Il percorso parte dalla ricostruzione della stanza più famosa di tutta la storia della pittura, la stanza di Van Gogh ad Arles. «Volevo restituire un senso di fisicità, perché il viaggio è fatto anche di fatica e di tramonti, di cose concrete, e la stanza è l’incipit, il punto di partenza». In questa stanza speciale ci sono le famose Scarpe di Van Gogh appese alla parete. Un’opera simbolo, che lo stesso Vincent donò a Gauguin nel brevissimo periodo della loro tumultuosa convivenza, nel tardo autunno del 1888. Proprio sopra il letto, due paesaggi di Grizzana dipinti da Morandi nel ‘43. «Ho voluto questo singolare accostamento per dire che in questa mostra ci sono tanti viaggi. Il viaggio carnale di Van Gogh, che presta il proprio corpo alla natura, e il viaggio monacale di Morandi».

Lo spettacolare "Da dove veniano chi siamo dove andiamo" di Gauguin.
Lo spettacolare "Da dove veniano chi siamo dove andiamo" di Gauguin.

Altri viaggi ci aspettano nelle sale successive. Il viaggio di Turner, di Rothco, il viaggio modernissimo di Monet nel giardino di Giverny, che traghetta la pittura nel ‘900 e, con le sue Ninfee, lo trasforma in un viaggio nell’interiorità. Nel cuore dell’esposizione, la ricostruzione della capanna di Tahiti dove Gauguin, in preda alla disperazione, dipinse la grande tela di oltre quattro metri di lunghezza che contiene il suo testamento spirituale, il Da dove veniamo chi siamo dove andiamo. Aveva appena ricevuto la notizia della morte della figlia, era deciso a farla finita. «In quest’opera c’è tutto Gauguin», spiega Goldin, «è la summa di tutte le sue esperienze precedenti e anticipa tutto quello che l’artista farà in seguito».

Nell’opera, che si legge da destra a sinistra, come un racconto cinematografico, il significato della vita e della morte si arricchisce di simboli e di riferimenti autobiografici. È il dipinto che dà il senso alla mostra e apre al viaggio nel colore di Van Gogh. Un viaggio ugualmente tragico, che rivoluziona la storia della pittura, dal nero e dal marrone profondo della sua Olanda alla luce quasi insopportabile della Provenza. Un viaggio che è insieme esteriore e interiore, con opere icona come il celebre Autoritratto al cavalletto, e Covone sotto un cielo nuvoloso, il volo apparentemente senza ritorno dipinto ad Auvers tre settimane prima di morire. 

"Barca sul fiume Elba" di Caspar David Friedrich.
"Barca sul fiume Elba" di Caspar David Friedrich.

«Credo che in questa mostra ci siano i risultati di 15 anni di rapporti diplomatici coi musei di tutto il mondo», confessa Goldin, «è una mostra che ha un aspetto di ricerca personale fortissima, per questo ho sentito il bisogno di scrivere un vero e proprio libro, al posto del catalogo, per raccontarla». Quest’anno, in occasione della mostra di Genova, Linea d’ombra intensifica la sua attività di divulgazione nei confronti dei bambini e dei ragazzi, con visite guidate e laboratori teatrali che porteranno a uno spettacolo finale. «Si tratta di una mostra che si addice in particolare a questo scopo. La pittura non può essere solo un fatto tecnico e stilistico, è un qualcosa che mette in gioco la vita e quindi coinvolge anche i bambini più piccoli. Io portavo i miei figli a vedere le mostre a tre, quattro anni. In una mostra come questa si entra nel mondo della bellezza e dello stupore. Chi più dei bambini può provare stupore e meraviglia?».

DOVE & QUANDO
La mostra Van Gogh e il viaggio di Gauguin è al Palazzo Ducale di Genova fino al 15 aprile. Info: 0422/42.99.99, www.lineadombra.it. Saggio catalogo di Marco Goldin.

I vostri commenti
1
scrivi

Stai visualizzando  dei 1 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo
    Collection precedente Collection successiva
    FAMIGLIA CRISTIANA
    € 104,00 € 0,00 - 11%
    CREDERE
    € 88,40 € 57,80 - 35%
    MARIA CON TE
    € 52,00 € 39,90 - 23%
    CUCITO CREATIVO
    € 64,90 € 43,80 - 33%
    FELTRO CREATIVO
    € 23,60 € 18,00 - 24%
    AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
    € 46,80 € 38,90 - 17%
    IL GIORNALINO
    € 117,30 € 91,90 - 22%
    BENESSERE
    € 34,80 € 29,90 - 14%
    JESUS
    € 70,80 € 60,80 - 14%
    GBABY
    € 34,80 € 28,80 - 17%
    I LOVE ENGLISH JUNIOR
    € 69,00 € 49,90 - 28%