logo san paolo
venerdì 27 maggio 2022
 
 

Zaccheroni: povera serie A

02/09/2012  L'impoverimento del campionato, gli scandali ricorrenti, la crisi economica. Zaccheroni, ct del Giappone, giudica la serie A.

Ha salutato da tempo l’Italia, destinazione Giappone. E ora segue da lontano, in altre faccende affaccendato. Guida la nazionale del Paese del Sol Levante, peraltro con successo (soprattutto, il trionfo in Coppa d’Asia). E’ ormai tempo di rimettersi in moto: settembre è il mese dei match di qualificazione mondiale. Come s’è rimesso in moto il campionato di serie A.


Alberto Zaccheroni, un passato italiano ad alti livelli, osserva con attenzione esprime il suo rammarico. L’eco di una serie A poco appetibile è giunta pure in Giappone. 

- Mister Zaccheroni, è stata un’estate da profilo basso: da quanto tempo non si assisteva a qualcosa del genere? 

"Difficile ricordare, certo che di tempo n’è passato tanto. Purtroppo, è una serie A molto più povera, neppure lontanamente paragonabile a quella definita “delle sette sorelle”, quando c’erano ben 7 squadre che potevano ambire allo scudetto, tutte attrezzate per solidità societaria e investimenti sul mercato". 

- Adesso, invece, si è costretti a vendere: impressioni? 

"E’ un campionato molto povero, che per certi versi mette tristezza". 

- Ma non è colpa dei club? 

"Non dico questo, per carità. Quella calcistica è una vera a propria industria, anche una delle più fiorenti: se va male il Paese in generale è normale che vada male anche il calcio".

- La serie A come specchio dell’Italia? 

"Non c’è dubbio: l’Italia è in una situazione nera, normale che il calcio sia precipitato a un punto molto basso". 

- Il calciomercato al risparmio non è che una conseguenza? 

"Senza alcun dubbio. Come si possono fare spese folli se l’economia del Paese non tira per nulla? E lo stesso vale per le cessioni all’estero: impossibile resistere a certe offerte di fronte a una simile situazione. Sarebbe contro ogni logica". 

- Quindi, il Milan ha fatto bene a cedere Ibra e Thiago Silva? 

"Sul piatto c’era una mare di soldi: giusto accettare". 

- La crisi è mondiale: il Giappone come se le passa? 

"Da quel che posso vedere c’è molto più ottimismo. Ci sono settori che tirano meno, ma l’economia è in ripresa". 


- Tornando al calcio, la serie A continua a perdere terreno nei confronti degli altri campionati europei? 

"Sì, il divario invece di restringersi si sta allargando. Non si può dire che gli altri se la passino benissimo: il mercato della Liga spagnola è stato asfittico, in Inghilterra s’è mosso solo qualche club. Anche loro, insomma, non vivono il loro momento migliore. Ma la nostra competitività a questi livelli s’è abbassata". 

- E gli scandali non aiutano? 

"Quelli non aiutano mai, neanche nei tempi di vacche grasse. Prendiamo il caso delle scommesse: mi chiedo come sia possibile che scoppi uno scandalo del genere con ritmo ciclico". 

- S’è dato una risposta? 

"Forse perché, al di là dell’iniziale deplorazione, si finisce per dimenticare gli scandali troppo presto". 

- A proposito dei campionato, Juve favorita d’obbligo? 

"E’ campione in carica, normale che sia tra le favorite. Bisognerà vedere come assorbirà il problema Conte e come saprà conciliare il duplice impegni di campionato e Champions League". 

- E le altre? 

 "Vedo bene il Napoli, che potrebbe anche diventare la favorita numero uno. Sono molto curioso di vedere come si esprimerà la Roma di Zeman, mentre le milanesi rischiano di restare dietro, anche se a dire il vero l’Inter ha fatto qualcosa di positivo negli ultimi giorni di mercato". 

- Pronostico secco? 

"No, nessun pronostico. Anche perché prevedo una classifica corta in testa e chance di successo finale anche per una outsider". 

- Quindi, non tutto il male viene per nuocere? 

"Può essere questo l’aspetto positivo di una stagione al ribasso".

I vostri commenti
1

Stai visualizzando  dei 1 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo