logo san paolo
mercoledì 27 ottobre 2021
 
dossier
 

C'è ancora chi offende le persone down

10/10/2015  Una mamma ha ritirato dal nido la bambina di 10 mesi quando ha scoperto che una delle assistenti è down. In Francia il giornale satirico Charlie Hebdo ricorre alla sindrome trisomica per insultare un avversario politico.

Due notizie di cronaca, una italiana e una francese, fanno riflettere su quanto siamo ancora lontani da una reale non discriminazione dei disabili.  Stiamo parlando, in questi due casi, di persone Down e della ancora troppo diffusa incapacità non solo di provare la più semplice ma umana empatia verso un essere umano, forse più fragile o forse più sfortunato, ma anche di  rispettarlo quando è percepita come diverso.

Il primo caso  è avvenuto a Ferrara e lo ha reso noto la dirigente di un asilo nido segnalando a un giornale locale che  pochi giorni fa una madre ha ritirato la figlia di dieci mesi motivando la sua scelta con l'aver scoperto che nella scuola vi è una delle assistenti (un'ausiliaria) con la sindrome di Down.  La madre della bambina non si è presentata al terzo giorno di inserimento e si è poi recata a scuola di persona per ribadire che avrebbe ritirato la figlia perché non voleva che stesse nell'asilo con "quella ragazzà".

Si tratta di una giovane che come spiega la direttrice, «ha tutte le carte in regola per svolgere quel lavoro perché autonoma e preparata a svolgere i compiti che le sono stati assegnati. Tanto è vero che nessuno, da quando lavora, si è lamentato»
Si tratta di un'assistente 37enne «che ha prestato servizio per otto anni in una scuola della città e per sei in questo nido, dove è arrivata dopo che un centro specializzato nell'inserimento lavorativo delle persone con sindrome di Down, il Cepim di Genova, ha approvato il mio progetto».


Altro Paese, altro ambiente, ma stessa ignoranza e insensibilità. La rivista Charlie Hebdo, nota per la strage dello scorso gennaio ad opera di fanatici islamici, e per la sua discutibile satira politica ha pubblicato una copertina utilizzando la sindrome di Down per ridicolizzare e insultare Nadine Morano un’eurodeputata ed ex ministra. In questo caso la libertà di espressione di cui il periodico è paladino si è trasformata in libertà di offendere e di trasmettere messaggi che pensavamo, almeno nel mondo dell'informazione, fossero ormai superati.  

Multimedia
I quattro cugini: scopri le differenze tra loro
Correlati
I vostri commenti
4

Stai visualizzando  dei 4 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo
    Collection precedente Collection successiva
    FAMIGLIA CRISTIANA
    € 104,00 € 0,00 - 11%
    CREDERE
    € 88,40 € 57,80 - 35%
    MARIA CON TE
    € 52,00 € 39,90 - 23%
    CUCITO CREATIVO
    € 64,90 € 43,80 - 33%
    FELTRO CREATIVO
    € 23,60 € 18,00 - 24%
    AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
    € 46,80 € 38,90 - 17%
    IL GIORNALINO
    € 117,30 € 91,90 - 22%
    BENESSERE
    € 34,80 € 29,90 - 14%
    JESUS
    € 70,80 € 60,80 - 14%
    GBABY
    € 34,80 € 28,80 - 17%
    I LOVE ENGLISH JUNIOR
    € 69,00 € 49,90 - 28%