logo san paolo
sabato 23 ottobre 2021
 
 

Inviati di guerra, addio alle armi

03/05/2012  È sempre più difficile che un giornalista "free lance" riesca a trovare spazio sulla stampa italiana per raccontarci i conflitti in giro per il mondo. Parola di Barbara Schiavulli.

Barbara Schiavulli, giornalista di guerra, nota freelance italiana.
Barbara Schiavulli, giornalista di guerra, nota freelance italiana.

“Vuoi fare l’inviato di guerra? Preparati allora a fare la guerra  ai giornali italiani”.  Lei è Barbara Schiavulli, la più nota inviata di guerra freelance  italiana. Eppure,  dice: “Non sono ancora riuscita a farmi pagare una nota-spese”. Romana, 40 anni, di cui 15 in giro per il mondo a inseguire i conflitti o a farsi inseguire da loro. Quattro anni in Palestina, trenta volte in Afghanistan, dieci in Irak, e poi Pakistan, Darfur, Malesia e ogni altro posto “dove succeda qualcosa e vicino ai personaggi che lo fanno succedere”.

Ospite al Laboratorio di Giornalismo Sociale della “Scuola Chiodi” di Mestre, la giornalista ha raccontato questi anni di professionismo vissuti pericolosamente, da  quando In Irak s'è spacciata sordomuta per evitare di farsi riconoscere come occidentale, ai travestimenti a Baghdad  da sunnita o sciita a seconda delle circostanze per non dare nell’occhio. Dall’attentato dinamitardo all’hotel Palestine a Baghdad in cui soggiornava, alle pesanti acconciature delle parrucchiere di Kabul a cui s’è sottoposta  per capire come deve prepararsi una donna che si sposa in quella città.

Disagi? Ci scherza su: “Solo il dover viaggiare in pool con anziani inviati che ogni mezzora si fermano per urinare”.    Ma il peggio  è dover affrontare le battaglie quotidiane con i giornali italiani per farsi riconoscere il proprio lavoro, l’umiliante patteggiamento per un pugno di euro, “tanto c’è sempre qualcuno che chiede di meno”.  Schiavulli mette il dito nella piaga:  le cronache estere  nell’informazione  nostrana sono sempre più rare e  malseguite la figura dell’inviato è in via d’estinzione. Vedere gli organici delle grandi testate nazionali, per credere!  In tempi di crisi dell’editoria,  un inviato  è ritenuto un lusso; meglio e più produttivo, secondo questa scuola di pensiero,  riempire di redattori il desk e accontentarsi delle corrispondenze d’agenzia. Ma il rischio è quello di non avere più “occhi” per guardare il mondo e “penne” per raccontarlo e di omologare sempre più l’informazione.

La morale della freelance è triste: “Volete fare gli inviati di guerra per un giornale italiano? Scordatevelo”. Ma se qualcuno le chiede perché continua a farlo, ammette: “Non  conosco altro modo di fare questo mestiere”. E le valigie, accanto al letto,  sono già pronte per il prossimo imbarco. Un'altra guerra e altre vittime sono lì che attendono di farsi raccontare, senza note spesa, né polizze assicurative. “Tanto, a parte rischiare la vita, che cosa ti può accadere laggiù di grave?”. Buon viaggio, Barbara. 

I vostri commenti
0
scrivi
 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo
Collection precedente Collection successiva
FAMIGLIA CRISTIANA
€ 104,00 € 0,00 - 11%
CREDERE
€ 88,40 € 57,80 - 35%
MARIA CON TE
€ 52,00 € 39,90 - 23%
CUCITO CREATIVO
€ 64,90 € 43,80 - 33%
FELTRO CREATIVO
€ 23,60 € 18,00 - 24%
AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
€ 46,80 € 38,90 - 17%
IL GIORNALINO
€ 117,30 € 91,90 - 22%
BENESSERE
€ 34,80 € 29,90 - 14%
JESUS
€ 70,80 € 60,80 - 14%
GBABY
€ 34,80 € 28,80 - 17%
I LOVE ENGLISH JUNIOR
€ 69,00 € 49,90 - 28%