logo san paolo
sabato 28 maggio 2022
 
Musica
 

Jonas Kaufmann: la musica è un viaggio

03/05/2014  Incontro con il tenore, secondo molti il più grande del mondo, che ci introduce nei segreti delle sue interpretazioni, dal "Winterreise" al "Parsifal", disponibili in Cd e Dvd.

Qui sopra: Kaufmann nel ruolo di don Carlo. Sotto: nel "Parsifal".
Qui sopra: Kaufmann nel ruolo di don Carlo. Sotto: nel "Parsifal".

Non è certo l’erede di Pavarotti né di nessun altro: è Jonas Kaufmann e basta. Il suo repertorio spazia: e la sua voce, il suo timbro particolare, la sua presenza scenica ne hanno fatto un personaggio.

45 anni, nato a Monaco di Baviera, 3 figli, da poco separato dalla moglie: è il più grande tenore vivente. A Milano è arrivato la prima volta per l’ultima regia di Giorgio Strehler, il Così fan tutte di Mozart del 1997 al Piccolo Teatro. Poi ha inaugurato la Stagione 2009 della Scala con Carmen di Bizet e quella del 2012 col Lohengrin di Wagner diretti da Daniel Barenboim.

Da poche settimane ha pubblicato per la Sony il cd del Winterreise (Viaggio d’inverno) di Franz Schubert, una delle più belle raccolte di Lied (canzoni) di ogni tempo. Un classico, che Kaufmann ha eseguito tante volte in pubblico accompagnato da Helmut Deutsch: l’ultima volta in Italia alla Scala in aprile ed è stato un trionfo. Il giorno dopo il recital lo abbiamo incontrato in albergo: disponibile, allegro, gentile e per nulla divo.

Cosa rappresenta Winterreise?

“È la perfezione in semplicità. Ed è questa una cosa per me molto particolare di Schubert. Anche se tutti dicono che questi poemi di Müller non sono all’altezza di Goethe o di Schiller e sono i testi di un poeta che è noto solo per il Viaggio d’inverno e per la Bella mugnaia (altro grande ciclo di Schubert, ndr). Ma è la finezza con cui Schubert trasferisce questo testo abbastanza semplice, non banale e semmai credibile per la sua semplicità, che rende il Winterreise straordinario. E poi ci sono i colori unici. E la libertà lasciata da Schubert all’interprete: senza interpretazione, senza il sentimento degli interpreti Winterreise non funzionerebbe. Insomma è un capolavoro, un capolavoro fragile. Fatto di tante piccole cose che ci portano in un altro mondo….”.

Come si accosta un cantante ad un simile capolavoro?
“Non è possibile offrire una interpretazione di questo viaggio senza farsi coinvolgere dalle parole, e dalla musica. Altrimenti non funziona. E’ un viaggio che comincia con una separazione dalla fidanzata che non è tanto traumatica. Ma poi, da un Lied ad un altro, il protagonista capisce che non riesce a liberarsi di questa tristezza. Cerca una soluzione: ma almeno 5 Lied finiscono con la stessa parola: tomba”.

Il suo rapporto con Helmut Deutsch è molto particolare...
“Non ho mai lavorato con un pianista straordinario come Helmut. Sempre fresco, sempre curioso di capire qualche cosa di nuovo. Ogni sera con lui è possibile trovare una nuova interpretazione, mai uguale alla precedente, anche se ovviamente tutte le esecuzioni sono simili. Però per esempio lui non è d’accordo sulla mia interpretazione delle poesie: per me il protagonista va incontro alla morte e la incontra alla fine, personificata in un suonatore di organetto. Per lui invece il suonatore è solo un compagno con il quale riprendere il cammino, cantando insieme. Ma va benissimo, e andiamo avanti insieme, anche se non siamo d’accordo”.

E ride di gusto... Poco prima di Schubert è uscito un fantastico Dvd del Parsifal di Wagner diretto da Daniele Gatti nel quale Kaufmann è protagonista. Anche quello di Parsifal è un viaggio, ma al contrario, verso la redenzione.

Lei è un grandissimo interprete di Wagner. Come ha scoperto questo autore?
“Mio padre e mio nonno erano tutti e due molto appassionati della musica di Wagner. Mio nonno aveva tutti gli spartiti. E quasi ogni giorno lui suonava al pianoforte. Suonava lentamente, perché era anziano e poi non era capace di suonare tutto in tempo giusto. Eppoi cantava, e interpretava tutti i personaggi, anche le voci femminili. Era una sua soddisfazione. E sono i miei primi ricordi musicali. E mi rivedo: me bambino, sotto il pianoforte ad ascoltare la musica”.

I vostri commenti
2

Stai visualizzando  dei 2 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo